Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 671
MODICA - 21/09/2013
Cronache - Denunce dei genitori in commissariato e alla polizia locale

Allarme pedofili Modica: 2 casi denunciati

Chiesti maggiori controlli alle forze dell’ordine quale deterrente per i due tizi
Foto CorrierediRagusa.it

Allarme presunti pedofili in centro storico. Diverse segnalazioni e denunce di genitori preoccupati sono pervenute in commissariato e al comando di polizia locale. Si tratta di due persone, che, ciascuno per conto proprio, assumerebbero comportamenti equivoci nei confronti degli alunni della scuola media del plesso «Ciaceri» di corso Umberto e dei bambini che giocano nel piazzale attiguo al teatro «Garibaldi» (foto) e in quello della «Domus Petri», a lato della chiesa di San Pietro. Alcune denunce riguardano un anziano modicano sui 70 anni di aspetto distinto, che, stando a quanto riferito dai genitori, stazionerebbe quasi ogni giorno nella zona, specie nelle ore pomeridiane, avvicinando i bambini che giocano a pallone nel piazzale e offrendo loro caramelle o gelati. In una delle denunce si legge pure che l’anziano addirittura accarezzerebbe e abbraccerebbe i bambini, fotografandoli con uno smartphone mentre giocano.

Pare che l’uomo, già noto per simili comportamenti ambigui, sia già stato diffidato dai poliziotti dal perseguire in questo genere di atteggiamenti. Un altro caso, certamente più allarmante, riguarda un 30enne, pure lui di Modica, che sarebbe stato visto più volte all’interno della propria auto parcheggiata davanti alla scuola «Ciaceri» negli orari di entrata e di uscita degli alunni da scuola, impegnato nientemeno che in atti di autoerotismo. Alcuni genitori che si sarebbero accorti con incredulità e sdegno della circostanza, avrebbero pure scattato delle foto che ritrarrebbero l’uomo in pose inequivocabili. Le foto sarebbero state fatte visionare al vigile urbano di turno, che, in almeno un caso, avrebbe esortato il tizio a cambiare aria.

Nonostante questi episodi abbastanza inquietanti che non sono mai sfociati in nulla di grave, pare che i due individui, ciascuno per contro proprio, continuino ad essere visti in quelle zone frequentate dai bambini, costituendo fonte di costante preoccupazione per i genitori, che temono possa accadere prima o poi il peggio. Molti di loro chiedono dunque maggiori controlli quale deterrente per i due tizi. Le forze dell’ordine fanno sapere che questa ed altre zone sono sotto costante monitoraggio da parte delle pattuglie, ma che non si può di certo impedire ai cittadini, al di là di atteggiamenti quantomeno discutibili, di poter girare liberamente.