Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1132
MODICA - 18/09/2013
Cronache - Il 40enne è stato trovato dai genitori riverso sul pavimento del bagno di casa

Il pozzallese Gianluca Destro muore per overdose di eroina

La salma si trova all’obitorio dell’ospedale di Modica e, dopo il nulla osta del magistrato, sarà consegnata alla famiglia per i funerali

Sarebbe morto per overdose di eroina il marinaio 40enne Gianluca Destro, già noto per i suoi trascorsi di tossicodipendente. L’uomo è stato trovato martedì sera dai genitori riverso sul pavimento del bagno, privo di vita e con una siringa in mano. Gli sconvolti parenti hanno poi chiamato il 112. L’ispezione cadaverica avrebbe confermato il decesso per overdose di droga.

La salma si trova all’obitorio dell’ospedale di Modica e, dopo il nulla osta del magistrato, sarà consegnata alla famiglia per i funerali.


Dolore e Sdegno drammi sociali made in Italy
19/09/2013 | 8.13.50
Toni

A questo punto penso che sia veramente il caso di pensare seriamente ad instituire un efficace piano di prevenzione, recupero e riabilitazione a carico dei servizi sociali del comune di Pozzallo.
La citta` piange troppi giovani morti in questo modo indignitoso, bisogna trovare i fondi per queste cose, bisogna pensare a queste cose da Italiani e per Italiani, non bisogna togliere l`occhio dalla palla , a Pozzallo c`e` malumore sociale in un clima di concreta crisi economica mescolata a drammi sociali come questo.
Non abbiamo ne tempo ne soldi e nemmeno voglia di essere considerati il LAZZARETO della UE e dell`Italia intera abbiamo i nostri problemi e nessuno li risolve ancora a distanza di anni.
Pozzallo e` nel mirino di un processo di screditamento e svalutazione messo in atto dalle istituzioni locali e nazionali.
Eventi di cronaca come questo hanno cadenza bimestrale e contribuiscono non poco ad accelerare tale processo screditatorio nei confronti della citta` e dei suoi cittadini.
Pozzallo ha smesso di sorridere e nessuno se ne e` ancora accorto.