Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 740
MODICA - 10/09/2013
Cronache - Uno sgradito guinness dei primati per il titolare del locale annesso alla stazione di servizio

Ladri "visitano" bar 2 volte in 48 ore!

Il modus operandi dei ladri è stato identico a quello della volta precedente, per cui è ipotizzabile possa trattarsi della stessa banda
Foto CorrierediRagusa.it

Non c’è pace per il titolare del bar ricevitoria annesso al distributore di carburante sulla Modica – Ispica (foto). Dopo il furto della scorsa settimana, i malviventi sono tornati a «far visita» al locale l’altra notte, portandosi via un bottino per complessivi 5mila euro che si assomma a quello precedente e pari a circa 30mila euro. Il proprietario del locale aveva appena fatto montare delle nuove porte e saracinesche, anche queste rotte e scassinate come le precedenti nel breve volgere di 48 ore. Una sorta di «guinness dei primati» abbastanza sgradito dall’arrabbiato titolare del bar ricevitoria, che ne avrebbe fatto volentieri a meno. Stavolta i ladri si sono portati via stecche di sigarette, valori bollati e persino profilattici e gomme da masticare, oltre a contante per circa 500 euro, riuscendo a racimolare, come accennato, la pur rispettabile somma di 5mila euro.

Il modus operandi dei ladri è stato identico a quello della volta precedente, per cui è ipotizzabile possa trattarsi della stessa banda, che, con ogni probabilità, è responsabile pure dell’altro furto registratosi nel vicino panificio sempre lungo la statale 115. Tornando al colpo ai danni del bar ricevitoria, la volta precedente i ladri si erano portati via pure i soldi contenuti nelle slot-machine, nell’ultimo furto trovate vuote, e centinaia di biglietti «Gratta e vinci» che il titolare stavolta aveva, in maniera previdente ma non abbastanza, portato via con sé. L’allarme è scattato alle 2,20 della notte tra sabato e domenica. Stavolta la volante della polizia è arrivata quasi nell’immediatezza del furto, effettuando controlli nella zona, ma senza esito. Le indagini proseguono mentre commercianti e residenti invocano maggiori controlli alle forze dell’ordine, che, dal canto loro, devono fare i conti con un organico sempre più ridotto.