Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1055
MODICA - 13/08/2013
Cronache - Paura tra i residenti, evacuati nel raggio di 300 metri

Incendio in casa, quartiere evacuato

Il vero rischio è stato costituito dal possibile scoppio di 2 bombole del gas, scongiurato dai vigili del fuoco dopo averle messe al riparo delle fiamme
Foto CorrierediRagusa.it

Momenti di forte tensione ma nessun danno alle persone per l’incendio sprigionatosi in un’abitazione di via S. Quaranta ieri pomeriggio in pieno centro storico, al quartiere del Santissimo Salvatore. Le fiamme sono divampate dal vano cucina di un «dammuso» abitato da un tunisino 23enne sottoposto a misura restrittiva per reati di droga. E’ stato proprio il giovane a lanciare l’allarme. I vigili del fuoco hanno faticato non poco per raggiungere l’abitazione, che si trova in una stradina piuttosto angusta. I pompieri stavano tentando di passare con l’autobotte dalla sottostante via Carlo Papa, ma una «Ford Fiesta» parcheggiata in divieto di sosta ha impedito il transito del mezzo di soccorso. A questo proposito è stato annotato il numero di targa e il proprietario dell’auto rischia ora una denuncia per interruzione di pubblico servizio. Ad ogni modo i pompieri sono poi passati ugualmente con la «camionetta», di dimensioni ridotte, srotolando i tubi per i getti d’acqua lungo una piccola scalinata che collega la via Carlo Papa alla via S. Quaranta (foto), all’altezza dell’abitazione dove stavano divampando le fiamme. L´autobotte ha poi dato manforte dalla sottostante zona di Pozzo Barone.

Il vero rischio è stato costituito dal possibile scoppio di 2 bombole del gas, scongiurato dai vigili del fuoco dopo averle messe al riparo delle fiamme e che, a scopo cautelativo, hanno evacuato la zona nel raggio di 300 metri, facendo uscire i residenti dalle rispettive abitazioni. L’intervento è durato circa 4 ore. Pare che il tunisino non abbia saputo spiegare la causa dell’incendio, forse dovuta al cattivo funzionamento di un fornello. La casa, di cui buona parte del tetto è crollato, è stata dichiarata inagibile.