Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 864
MODICA - 25/07/2013
Cronache - Il volo di 3 metri della donna è stato attutito da rovi e cespugli che l’hanno salvata

Modicana 43enne si butta da Monserrato

Il giovane, che aveva fatto in tempo ad afferrare la sua ex per la maglietta, non è riuscito a trattenerla
Foto CorrierediRagusa.it

«Se non mi raggiungi subito, mi butto di sotto». L’ultimatum lanciato al suo ex "toy boy" (di oltre 20 anni più giovane di lei) tramite il telefonino da una modicana 43enne, R.C. le iniziali, separata e madre di un figlio di 19 anni, è stato comunque seguito dai fatti, proprio quando l’uomo, un 22enne, pure lui di Modica, si era recato all’appuntamento. La donna, non nuova ad episodi del genere, si è gettata nel vuoto martedì sera, poco dopo le 22, dalla collina di Monserrato, che sovrasta il centro storico, nella zona nota come «La Vetta» (foto), raggiungibile da contrada Caitina e meta preferita dalle coppiette in cerca di privacy. Il lancio nel precipizio della 43enne non si è risolto in tragedia perché, per sua fortuna, è stato attutito da rovi e cespugli, dopo un volo di circa tre metri.

Il giovane, che aveva fatto in tempo ad afferrare la sua ex per un lembo della maglietta, non è riuscito a trattenerla. Così, in preda al panico, ha telefonato per lanciare l’allarme, gridando il nome della donna, che non rispondeva avendo perso i sensi. La modicana, quando si è buttata, pare fosse alticcia. Sono quindi intervenuti i vigili del fuoco, che hanno dovuto utilizzare le funi per issare la donna, che, nel frattempo, era rinvenuta. La 43enne, che se l’è cavata con parecchi graffi e una leggera contusione alla spalla, è stata condotta al pronto soccorso dell’ospedale «Maggiore» con l’ambulanza medicalizzata «Cmr Modica 1» del 118. I medici hanno prestato le cure necessarie, dimettendo con una prognosi di cinque giorni la 43enne, che, a quanto pare, potrebbe essere sottoposta a Tso (trattamento sanitario obbligatorio), a causa del suo stato depressivo, che, come accennato, più di una volta l’ha indotta a tentare gesti estremi.

Il ragazzo che ha tentato di trattenere la 43enne avrebbe riferito di averla sentita piuttosto agitata al telefono e di essere corso sul luogo dell’appuntamento per cercare di calmarla. Pare che la donna volesse riallacciare la loro relazione, stando alla breve e animata discussione degenerata fino al salto nel vuoto.