Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 781
MODICA - 02/06/2013
Cronache - I ladri hanno agito nella notte tra sabato e domenica. Rubate anche le targhe dei mezzi

Colpo da 30mila euro alla ditta "Belluardo"

Portati via materiale idrosanitario ed edile, carburante, oggetti per la casa e suppellettili varie Foto Corrierediragusa.it

Cosa se ne faranno delle targhe di un veicolo aziendale è da capire, ma i ladri che hanno fatto l’altra notte razzia nell’azienda di materiale per l’edilizia e per la casa «Pietro Belluardo» sulla statale 115 Modica – Ispica si sono comunque portati via un bottino ben più consistente. Materiale idrosanitario ed edile, carburante, oggetti per la casa e suppellettili varie: i malviventi non hanno disdegnato nulla di quello che gli è capitato a portata di mano, rubando merce per un valore complessivo di circa 30mila euro. I ladri hanno pure provocato danni alla struttura e ai veicoli aziendali per un migliaio di euro. Il furto con scasso si è verificato poco dopo le 3 della notte tra sabato e domenica, giusto pochi minuti dopo che i proprietari erano andati via, dopo un rapido inventario. Non è escluso che i ladri fossero appostati poco lontano e abbiano spiato i movimenti dei titolari, agendo a colpo sicuro dopo che costoro erano andati via. I malviventi hanno tranciato con una cesoia la spessa catena con cui era stato chiuso il cancello principale che immette nell’ampio piazzale dell’azienda, e, utilizzando con buona probabilità un mezzo pesante, si sono dati da fare a caricare la merce, svuotando del carburante pure i veicoli da lavoro parcheggiati nella rimessa.

Da uno dei furgoni, come accennato, sono state smontate pure le targhe. Poi i ladri hanno avuto tutto il tempo di eclissarsi, nonostante fosse scattato l’allarme collegato ai cellulari dei proprietari, che, quando sono arrivati nella sede dell’azienda, l’hanno trovata deserta. Le vittime del furto hanno dunque sporto denuncia ai Carabinieri, che hanno avviato le indagini.