Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 790
MODICA - 02/06/2013
Cronache - I due modicani scorrazzavano a tarda sera in auto e sono incappati in un posto di controllo

Droga nelle mutande e nel portasigarette

Il giudice ha disposto la misura cautelare dei domiciliari per Gurrieri. Cavallo è stato invece sottoposto all’obbligo di presentazione periodica alla polizia giudiziaria Foto Corrierediragusa.it

Scorrazzavano a tarda sera in auto con a bordo un portasigarette di stoffa che però non conteneva le classiche «bionde», quanto piuttosto dodici dosi di marijuana del peso di dieci grammi confezionate con carta stagnola. Altra droga era nascosta pure nelle mutande. Per questo reato due giovani incensurati modicani sono stati arrestati dai Carabinieri. Si tratta di Antonino Cavallo, 20enne disoccupato, e di Nicola Gurrieri, 21 anni, operaio. I due giovani, mentre percorrevano corso Sandro Pertini, sono incappati in un posto di controllo dei Carabinieri al polo commerciale. All’alt dei militari, Cavallo e Guerrieri si sono subito mostrati abbastanza tesi. Un nervosismo sospetto che ha indotto i Carabinieri a procedere con la perquisizione del mezzo, dal quale è saltato fuori il famoso portasigarette pieno di droga leggera. I due giovani sono stati quindi condotti in caserma per ulteriori controlli e, dalla perquisizione personale, i militari hanno scoperto che Cavallo nascondeva un altro grammo di marijuana negli slip.

A questo punto si sono resi necessari pure i controlli nelle abitazioni dei due ragazzi. Mentre in casa di Cavallo non è stata trovata sostanza stupefacente, altri nove grammi di marijuana sono saltati fuori dall’abitazione di Gurrieri, che teneva nascoste 14 dosi nel seminterrato. Ritenendo la quantità di droga complessivamente trovata , poco più di 20 grammi, piuttosto eccessiva per un semplice uso personale, i Carabinieri hanno fatto scattare le manette per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. I militari hanno altresì trovato 35 euro ritenuti provento dell’attività illecita. Ieri mattina Cavallo e Gurrieri sono comparsi dinanzi al giudice Antongiulio Maggiore, che ha convalidato gli arresti, in accoglimento della richiesta del pm Diana Iemmolo.

Il giudice ha disposto la misura cautelare dei domiciliari per Gurrieri. Cavallo è stato invece sottoposto all’obbligo di presentazione periodica alla polizia giudiziaria. Il pm Iemmolo aveva chiesto la misura cautelare degli arresti domiciliari per entrambi. Cavallo era assistito dagli avvocati Fabio Spadaro ed Elvia Argento. Gurrieri era difeso dall´avvocato Fabio Tasca del foro di Ragusa. Gli avvocati hanno chiesto i termini a difesa per il processo direttissimo del 10 giugno.