Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 868
MODICA - 18/05/2013
Cronache - Una vicenda a tinte fosche che coinvolge un romeno di 26 anni

Uomo in coma da Modica a Siracusa

I carabinieri indagano su quella che si prefigura essere una brutta storia di violenza

Dopo quattro giorni di coma restano gravi le condizioni cliniche dell’uomo ricoverato martedì scorso all’ospedale "Maggiore" di Modica per una profonda ferita al capo provocata da cause ancore tutte da accertare. Non si è trattato di un incidente sul lavoro, come si era pensato in un primo momento. E più si va avanti nelle indagini, maggiori sono gli indizi che inducono i carabinieri a pensare che la faccenda sia a tinte fosche.

Intanto, l’uomo è stato già sentito due volte, interrogato dai militari nel letto della clinica «Villa Azzurra» di Siracusa, specializzata in traumi neurologici, dove è stato trasportato in un secondo momento vista la gravità delle ferite e dove si trova tuttora ricoverato. Le condizioni di salute sono leggermente migliorate in queste ore, ma i medici invitano alla cautela.

Il giovane ha rischiato grosso. Si tratta di S.V., 26 anni, di nazionalità rumena. La ferita al capo è stata la conseguenza di una caduta. Ma cosa o meglio chi ha provocato la caduta rimane un incognita e l’oggetto dell’indagine dei carabinieri. Fatto sta che l’uomo non si trovava da solo né prima, né dopo la caduta, perché, mentre giaceva immobile dopo l’incidente, qualcuno ha telefonato al 118 per segnalare l’accaduto. E quando il mezzo di soccorso è giunto a Marina Marza, in una di quelle innumerevoli vie che intersecano il Viale Kennedy, l’arteria principale dell’area balneare ispicese, il malcapitato pare non fosse attorniato da diverse persone, che, a quanto sembra, si sono defilate con scaltrezza. Un paio di queste, comunque, pare siano state già identificate e, presto, saranno sentite per raccontare ai carabinieri la loro versione dei fatti. Naturalmente, si tratta di una sommaria ricostruzione degli eventi. I carabinieri indagano su quella che si prefigura essere una brutta storia di violenza.