Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1054
MODICA - 09/05/2013
Cronache - Manette per il 19enne Giancarlo Noto e per il minore di 15 anni G.C.

Arrestati i 2 rapinatori della donna minacciata col coltello

Mentre Noto è stato rinchiuso nel carcere di Piano del Gesù a Modica Alta, il complice è stato affidato ad un centro di prima accoglienza di Catania, in quanto minorenne

Sono stati arrestati dalla polizia i due malviventi che hanno rapinato in casa lunedì scorso un’anziana puntandole alla gola un coltello da cucina. Le manette sono scattate per Giancarlo Noto, 19 anni, e per il 15enne G.C., entrambi modicani. Mentre Noto è stato rinchiuso nel carcere di Piano del Gesù a Modica Alta, il complice è stato affidato ad un centro di prima accoglienza di Catania, in quanto minorenne. La rapina era avvenuta nel quartiere di Santa Lucia appena 48 ore dopo un episodio analogo verificatosi nel vicino quartiere San Giorgio. Anche in quel caso due ladri erano penetrati in casa della vittima designata per rubare, ma la donna aveva fatto in tempo a chiudersi a chiave nel bagno. Non aveva mostrato altrettanta prontezza di spirito l’anziana vittima dell’ultima rapina, che si era trovata dinanzi ai due malviventi dopo che questi erano entrati dalla finestra aperta della cucina, dal cui tinello avevano afferrato il coltello usato per minacciare la donna per farsi consegnare una collanina d’oro, un paio di orecchini e 50 euro in contanti, prima di dileguarsi. La fuga dei due non era però passata inosservata e alcuni vicini, sentendo anche i lamenti della dell’anziana, avevano chiamato il 113.

I poliziotti, dopo aver setacciato la zona, hanno individuato e ammanettato i due malviventi con la refurtiva ancora addosso, che li ha inchiodati alle rispettive responsabilità nonostante avessero indossato delle calze collant per celare i loro volti. La polizia sta accertando se i due malviventi siano gli autori anche della precedente tentata rapina in casa. I due modicani, difesi dagli avvocati Giovanni Favaccio e Carmelo Spadaro, dovranno comparire dinanzi al magistrato domani per l’interrogatorio di garanzia.