Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1371
MODICA - 30/04/2013
Cronache - Scarcerazione a seguito della condanna a un anno e quattro mesi, pena sospesa

In libertà Leone, l´estorsore del professore in pensione

Leone agì con la complicità del 18enne Simone Amore, quest’ultimo a suo tempo solo denunciato, la cui posizione è stata stralciata, avendo il suo legale di fiducia scelto il rito ordinario

Remissione in libertà a seguito della condanna a un anno e quattro mesi di carcere, pena sospesa, per il 19enne Vincenzo Leone, difeso dall’avvocato Giovanni Favaccio e processato in udienza preliminare con il giudizio abbreviato. E’ quanto deciso dal gup Maria Rabini, che ha emesso la sentenza di condanna, inferiore rispetto alla richiesta di un anno e dieci mesi avanzata dal pm Alessia La Placa. Il giovane finì in manette per la tentata estorsione ai danni di un professore in pensione.

Leone agì con la complicità del 18enne Simone Amore, quest´ultimo a suo tempo solo denunciato, la cui posizione è stata stralciata, avendo il suo legale di fiducia scelto il rito ordinario. Proprio Amore fu bloccato dai militari mentre si trovava nei bagni pubblici dell’ex ufficio postale di corso Umberto I, dove Leone lo spedì per ritirare la busta con i duemila euro richiesti con una minacciosa lettera alla vittima. Ma Amore trovò ad accoglierlo i carabinieri, che poi egli stesso condusse al vicino bar, dove Leone aspettava tranquillo.