Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1088
MODICA - 20/04/2013
Cronache - L’ex presidente del consiglio provinciale comparirà dinanzi al giudice

Firma falsa in lista, rinviato a giudizio Failla

A Failla viene contestata nella fattispecie una firma apposta negli elenchi aggiuntivi delle liste elettorali attribuita ad una pozzallese Foto Corrierediragusa.it

La presunta firma fasulla di una sottoscrittrice apposta in una delle liste collegate con il nuovo Psi ha portato al rinvio a giudizio di Sebastiano Failla (foto), ex vice presidente del consiglio provinciale ed ex consigliere comunale di Modica. L’imputato dovrà comparire dinanzi al giudice a luglio, come deciso dal gup Maria Rabini. Failla, difeso dall’avvocato Gabriella Olivieri, deve rispondere di fatti verificatisi nel 2007, in riferimento alle elezioni del consiglio provinciale del 13 e 14 marzo, per le quali lo stesso imputato era candidato.

A Failla viene contestata nella fattispecie una firma apposta negli elenchi aggiuntivi delle liste elettorali attribuita ad M.M., una donna di Pozzallo. La donna, messa successivamente al corrente dei fatti, dichiarò che quella firma non era sua, sostenendo la tesi che fosse stata apposta falsamente da qualcun altro. Il difensore, in apertura di procedimento, aveva eccepito la sussistenza della prescrizione breve, com’era già avvenuto per un caso analogo che aveva coinvolto lo stesso esponente politico modicano di centrodestra, poi assolto, ma il gup ha deciso di procedere oltre.

In riferimento alla vicenda in oggetto Sebastiano Failla dichiara che "Si è trattato di un errore in buona fede della sottoscrittrice, che, avendo apposto la firma in due liste in contemporanea, una cosa di fatto illegale, messa dinanzi ai fatti ha disconosciuto la firma apposta sulla lista di mia competenza. Un grafologo - aggiunge Failla - ha già accertato che le due firme della donna nelle altrettante liste in oggetto sono identiche, escludendo la circostanza della falsificazione. Documenti alla mano - conclude Failla - sono pronto a dimostrare a chiunque quanto sostengo, dimostrando la mia estraneità ai fatti, come farò nelle aule di tribunale".