Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 909
MODICA - 01/10/2007
Cronache - Modica - Un ladro di Pachino in trasferta

Entrò in casa dell´on. Minardo
Condannato a due anni

Salvatore Salerno venne arrestato in flagranza Foto Corrierediragusa.it

E’ stato condannato a due anni e dieci giorni di carcere il pachinese che circa un anno aveva compiuto varie trasferte in città per compiere furti in abitazione. Si tratta di Salvatore Salerno, 50 anni, meglio noto come Lucio, al quale è stata comminata anche una multa di 660 euro. Il ladro venne ammanettato in flagranza dalla polizia la vigilia dell’Epifania.

Nonostante i poliziotti lo avessero sorpreso mentre stava trafugando un carretto siciliano di notevole valore, Salvatore Salerno negò ogni addebito dinanzi al magistrato, professandosi innocente e asserendo d’essersi trovato in quel luogo per non meglio specificati motivi. Salerno non seppe spiegare cosa lo avesse indotto a violare il divieto di soggiorno in città, impostogli proprio dalla polizia.

Il ladro, già noto per reati contro il patrimonio, fu sorpreso ad asportare da un’abitazione rurale di contrada Musebbi l’antico carretto che avrebbe poi caricato nel suo autocarro, per portarlo nel rifugio scoperto dagli investigatori in una zona impervia di contrada Cugno, alle porte di Pachino. Nel piccolo casolare c’era di tutto, in particolare mobili pregiati di cui Salerno, nel corso dell’interrogatorio in carcere, non avrebbe saputo giustificare la provenienza.

Il pachinese fu ritenuto dalla polizia l’autore anche dello scasso di qualche settimana fa nella residenza di campagna dell’onorevole Riccardo Minardo. In quel caso l’abitazione venne messa a soqquadro, ma non venne portato via nulla, nemmeno i gioielli a portata di mano. Anche questa circostanza venne negata da Salerno.