Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1252
MODICA - 08/04/2013
Cronache - Revoca dei domiciliari per la coppia perugina

Spedizione punitiva: tornano liberi i presunti mandanti

La decisione è stata assunta dai giudici del tribunale del riesame di Catania, in sessione d’appello di Catania

Revoca dei domiciliari per i presunti mandanti della spedizione punitiva organizzata lungo l’asse Perugia – Gela – Modica ai danni di un imprenditore edile modicano pestato a sangue, al quale fu rotto il setto nasale dagli esecutori materiali. Sono quindi tornati liberi i coniugi perugini Sandro Pauselli e Alida Cecconi, di 49 e 45 anni, quest’ultima incensurata, entrambi a capo dell’azienda di Città di Castello, nel Perugino, dalla quale l’imprenditore modicano acquistò la macchina da lavoro, dal cui mancato pagamento sarebbe scaturita la decisione della coppia perugina di dare un «avvertimento» al debitore.

La decisione è stata assunta dai giudici del tribunale del riesame di Catania, in sessione d´appello di Catania. Niente libertà invece per i componenti della spedizione punitiva: i gelesi Angelo Faldelli, Vincenzo Cannizzo e Nunzio Alabiso, di 47, e 35 e 34 anni.