Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 405
MODICA - 23/03/2013
Cronache - Il branco ha fatto una strage in un’azienda agricola di contrada Martorina - Lanzagallo

Cani randagi sbranano agnello e pecora

L’ovino è stato fatto a pezzi. Di un capretto di sono perse le tracce.
Foto CorrierediRagusa.it

Un agnello sbranato, un capretto disperso e una pecora gravida soppressa perché ferita in maniera grave per sfuggire all’assalto del branco. I randagi famelici sono tornati a farsi vivi e il bilancio di questa «incursione» verificatasi nelle campagne modicane al confine con Ispica, di cui ne hanno fatto le spese i poveri ovini ricorda che questo problema non va preso sottogamba. I cani vaganti, resi pericolosi dai morsi della fame, potrebbero aggredire pure le persone, come accadde nella tragica vicenda di contrada Pisciotto, verificatasi proprio nel mese di marzo di quattro anni fa, con il piccolo Giuseppe Brafa sbranato vivo ad appena dieci anni e una giovane turista tedesca rimasta con il volto sfigurato. Nonostante il problema randagismo, il nuovo canile sulla Modica – Pozzallo resta chiuso, perché mancano i soldi per gestirlo. I randagi hanno colpito in contrada Martorina – Lanzagallo, ai danni di un’azienda agricola.

L’agnello, «vittima sacrificale» per antonomasia in questo periodo pre pasquale, è stato letteralmente fatto a pezzi. La pecora, invece, è finita in fondo ad un precipizio per sfuggire al branco. L’ovino è stato ritrovato ancora vivo dallo stesso pastore e quindi faticosamente issato con l’impiego di funi. Poi la necessità di sopprimerlo per porre fine alle sue sofferenze. La medesima zona era stata teatro lo scorso agosto di un altro «assalto» dei randagi, che, anche quella volta, sbranarono un capretto di 30 chili e una pecora di 80 chili.


05/04/2013 | 16.34.27
daria

apprendo da questi post come oramai l´italiano sia diventato un optional!!! comunque.......da 4 anni vivo qui in sicilia, ho raccolto dalla strada un centinaio di cuccioli, senza esagerare, tutti oggi felicemente adottati, ho soccorso una marea di animali lasciati a marcire per strada, sterilizzato a non finire con l´aiuto dei comuni e quando no si riusciva a spese mie, riportato cani a proprietari disperati che avevano perso il loro compagno grazie al microchip e denunciati altri per maltrattamento o abbandono sempre grazie al chip....per cui a chi non conosce il problema e parla solo tanto per parlare consiglio di tacere che forse sarebbe meglio......


per gd4
30/03/2013 | 12.02.19
the justice

Salve non ti definisco bestia perchè credo che siano più intelligenti di te!!! la battuta di caccia dovrebbero farla per persone come te eliminare la gente che abbandona i cani costringendoli alla fame alla sofferenza il magnamagna che tu dici lo fanno i politici con te quando paghi le tasse e le paghi e ti stai pure muto, i microchip ecc ecc come dici tu servono a punire persone che abbandonano i cani per strada mettendoli in pericolo ricorda tutti i casi in cui un animale ha salvato la lurida pellaccia indegna di un umano!!!!quelli da rinchiudere e sopprimere qua sono molta gente che ormai di questi tempi ha perso la ragione!!!


30/03/2013 | 11.36.16
Simona

Prendetevela con chi non vuole risolvere il problema del randagismo. I soldi per un problema cosi grave le amministrazioni devono trovarli, perche´ non solo e´ una situazione disumana per i poveri randagi ma anche perche´ e´ in pericolo l´incolumita´ di tutti. Alla maggior parte dei cittadini evidentemente non interessa il problema, l´indifferenza domina sovrana in Sicilia.


30/03/2013 | 10.35.21
daria

dai. orgamizziamo una battuta di caccia, ci sto anch´io.....andiamo a far fuori tutti quei bastardi che abbandonano cani, che non sterilizzano alimentando il randagismo, che non mettono i chip e poi quando sono stanchi del giocattolino lo buttano.....chi viene con me????? e´ l´uomo la rovina d tutto....turisti del nord italia ed europa che non siete abituati ai randagi, alle carcasse in putrefazione lasciate per strada, a cuccioli nell´immondizia.....pensateci bene prima di venire!!!!!


turismo
23/03/2013 | 18.19.40
salvo

Turisti avvisati. non andate a visitare la cava Ispica è a proprio rischio e pericolo.