Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 845
MODICA - 21/03/2013
Cronache - Controlli della Finanza in una ditta che commercializza in sementi

Scoperta maxi evasione di un milione

All’evasione si aggiungono altri 65mila euro di Iva non versata Foto Corrierediragusa.it

Un milione di euro di evasione fiscale da parte di un’azienda agricola modicana operante nel settore della vendita di sementi. E’ quanto accertato dalla Guardia di finanza nell’ambito dei continui controlli di settore. La verifica fiscale ha passato ai raggi X tutta la documentazione contabile ed extracontabile.

L’attività ispettiva, incentrata sull´analisi dei dati riportati a bilancio, raffrontati a quelli risultanti sulle scritture contabili e alle cifre delle altre operazioni di riscontro, ha permesso di constatare compensi non dichiarati per quasi un milione di euro, cui si aggiungono altri 65mila euro di Iva non versata. A carico degli agricoltori uno dei costi maggiori è costituito proprio dall’acquisto delle sementi. La Guardia di finanza analizza proprio tale aspetto, in quanto gli imprenditori di questo settore cedono ingenti quantitativi di prodotto ad intermediari commerciali che hanno una contabilità ridotta, potendosi avvalere del regime speciale dell’agricoltura. Proprio per il tramite di questo meccanismo si concretizzava l’evasione fiscale dell’azienda agricola scoperta dai finanzieri.

L’esposizione finanziaria con le banche è ingente per poter procedere all’acquisto di tali prodotti e quindi sono forti gli interessi di tutela fiscale. Il costo delle sementi di pomodori può arrivare fino a 150mila euro per una ingente quantità. I controlli nel settore agricolo saranno intensificati per tutelare le entrate dello Stato e per salvaguardare la concorrenza tra le imprese, dal momento che quelle in regola vengono penalizzate da un prezzo più basso del prodotto, che può venire praticato solo da coloro che evadono il fisco.