Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 354
MODICA - 11/02/2013
Cronache - L’episodio risale al 2007, quando venne giù il muro di cemento armato

Crollo muro tribunale Modica: tutti assolti

Il crollo non provocò nessuna vittima, essendosi verificato di prima serata, mentre pioveva a dirotto
Foto CorrierediRagusa.it

Si è chiuso in udienza preliminare con l’assoluzione del quattro imputati il procedimento scaturito dall’inchiesta avviata dalla procura sulle presunte responsabilità in ordine al crollo del muro di contenimento del perimetro interno del palazzo di giustizia di via Aldo Moro (foto). Il crollo non provocò nessuna vittima, essendosi verificato di prima serata, mentre pioveva a dirotto. Il fatto avvenne appena tre anni dopo l’inaugurazione della nuova struttura. A cedere a causa delle infiltrazioni fu il muro di cemento armato che delimita la bretella di collegamento tra i parcheggi interrati e l’ingresso del tribunale riservato agli automezzi di magistrati, procuratori e altri dipendenti.

L’assoluzione è stata decisa dal gup Lucia De Bernardin in udienza preliminare per il progettista e direttore dei lavori Ignazio Agosta, modicano; per i responsabili dell’impresa edile palermitana che si occupò dei lavori, ovvero Amilcare La Torre e Pietro Sireci, e per il collaboratore modicano Emanuele Fidone. I quattro imputati, per i quali il pm aveva chiesto il rinvio a giudizio, erano accusati di disastro colposo. La posizione del capo cantiere Salvatore Ottone era invece stata archiviata.