Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 889
MODICA - 22/01/2013
Cronache - L’inchiesta della procura interessa il "Maggiore" e il "Garibaldi" dopo la denuncia dei genitori

Neonata morta, indagati 7 medici

Nel registro figurano 3 medici modicani e altri 4 catanesi
Foto CorrierediRagusa.it

Una neonata partorita a Modica e deceduta a Catania a seguito di improvvise complicazioni respiratorie. Un tragico evento per il quale risultano adesso iscritti nel registro degli indagati sette medici, tre del «Maggiore» di Modica e quattro del «Garibaldi» di Catania. L’inchiesta è stata avviata dalla procura modicana dopo la denuncia sporta dai genitori distrutti, una giovane coppia di Scicli. Il decesso della neonata risale allo scorso 5 luglio. La donna di 25 anni aveva dato alla luce la bambina appena due giorni prima. La piccola pesava tre chili e mezzo e tutto sembrava andare bene.

Poi, all’improvviso, la neonata cominciò ad accusare dei problemi respiratori sempre più gravi. I medici dell’ospedale modicano adottarono la prassi prevista per casi del genere dall’assessorato regionale alla sanità, ovvero il ricovero immediato in un centro dotato di unità di rianimazione per neonati. Il più vicino era a Ragusa, ma non c’erano posti. L’unica alternativa era il trasferimento d’urgenza in elisoccorso della neonata al «Garibaldi» di Catania, e così avvenne. La piccola fu ricoverata in gravi condizioni e i medici catanesi tentarono l’impossibile, con l’intubazione e i massaggi cardiaci, per strapparla alla morte, che sopraggiunse poche ore dopo il ricovero. Il referto indicò un decesso per arresto cardiocircolatorio.

Un dolore troppo grande per i giovani genitori, che hanno poi deciso di vederci chiaro, rivolgendosi all’avvocato Daniela Coria per accertare eventuali responsabilità sul decesso della piccola. Il pubblico ministero ha intanto nominato due consulenti tecnici d’ufficio, il dottore Alberto Fisher, esperto neonatale, e la dottoressa Angela Grieco, medico legale, ai quali sarà conferito l’incarico venerdì prossimo.