Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 443
MODICA - 08/01/2013
Cronache - Le manette sono scattate per tre giovani modicani di età compresa tra i 19 e i 22 anni

Tre arresti della Polizia per droga a Modica

E’ successo nel fine settimana appena trascorso

Tre arresti per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio sono stati effettuati dalla polizia nel fine settimana appena trascorso. Le manette sono scattate per tre giovani modicani di età compresa tra i 19 e i 22 anni, uno dei quali incensurato. Claudio Verdelli, 22 anni, già noto per reati di droga e contro il patrimonio, è stato sorpreso dagli agenti mentre cedeva sostanza stupefacente ad un tossicodipendente di Ispica. La compravendita di droga è saltata proprio grazie all’intervento della polizia, che ha colto i due in flagranza. Il mancato acquirente ispicese è stato altresì trovato in possesso di alcune siringhe, di cui una pronta all’uso per iniettarsi la droga, forse cocaina.

Per quest’ultimo è scattata solo una denuncia all’autorità giudiziaria per uso di sostanze stupefacenti. Sempre nell’ambito dei servizi di controllo del territorio intensificati durante il weekend la polizia ha ammanettato pure Giancarlo Noto, 19 anni, già noto per reati contro il patrimonio, e l’incensurato 21enne Davide Caruso, entrambi modicani. Era proprio Caruso a guidare l’auto incappata in uno dei posti di controllo istituiti dagli agenti, che hanno rinvenuto, ben nascosti sotto al cruscotto, 110 grammi di marijuana. I due modicani sono quindi stati condotti nel carcere di Piano del Gesù a Modica Alta. Ad entrambi sono stati ieri concessi i domiciliari nelle rispettive abitazioni, dopo la convalida degli arresti da parte del gip del tribunale di Modica. Domiciliari anche per Verdelli, anche se, in questo caso, il magistrato non ha ritenuto convalidare l’arresto.