Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 841
MODICA - 18/12/2012
Cronache - Dal giudice i componenti di una banda dedita allo scasso

Slot machine e droga a Modica: triplo rinvio a giudizio

La cosiddetta «Banda dei videopoker» è responsabile di un paio di colpi nei locali di Modica, lungo l’asse del Polo commerciale, e nei bar di Pozzallo

Triplo rinvio a giudizio per i componenti di una banda dedita allo scasso di bar e locali commerciali, per alleggerire le slot machines del contante, che poi, a quanto pare, utilizzavano per comprare la droga a Vittoria, Gela e Catania, a scopo personale e, presumibilmente, per spacciarla a Modica. Su decisione del gup Maria Rabini, in accoglimento della richiesta del pubblico ministero Alessia La Placa, dovranno quindi comparire il prossimo 15 aprile dinanzi al giudice monocratico del tribunale tre modicani: si tratta di G.R., 41 anni; M.G., di 28, e C.V., 22 anni.

Il terzetto, difeso dagli avvocati Giovanni Favaccio e Carmelo Scarso, è ritenuto responsabile di un paio di colpi nei locali di Modica, lungo l’asse del Polo commerciale, e nei bar di Pozzallo. La banda era stata sgominata dalla polizia lo scorso giugno nell’ambito dell’operazione «Insert coin», ovvero «inserire moneta», il messaggio che appare a video nei videopoker per giocare. Si trattava di quelle stesse macchinette scassinate, o, talvolta, portate via dai ladri, nell’ambito dei loro furti notturni, e poi abbandonate nei pressi dei locali presi di mira, ovviamente senza un centesimo nei contenitori interni. La posizione di C.V. sarebbe comunque marginale, visto che il giovane sarebbe stato accusato ingiustamente da una persona terza.