Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1008
MODICA - 18/12/2012
Cronache - Indagini in corso della polizia sull’incendio doloso alla 500 in via San Giuliano

In fiamme auto di architetto modicano

Il giovane professionista modicano ha di recente seguito i complessi e lunghi lavori di ristrutturazione di un imponente e antico palazzo nobiliare del centro storico, adibito a lussuoso albergo Foto Corrierediragusa.it

Potrebbero esserci motivi professionali o personali alla base dell’incendio doloso ai danni della Fiat 500 ultimo modello di proprietà di un architetto 35enne di Modica. L’auto era stata data alle fiamme da ignoti piromani nella notte tra venerdì e sabato scorsi in via San Giuliano.

Era stato lo stesso professionista a vedere da casa sua le fiamme levarsi alte dalla 500, parcheggiata poco lontano, e a chiamare il 115. Le indagini sono condotte dalla Polizia, che, a quanto pare, pur non escludendo al momento alcuna pista, si sta indirizzando maggiormente sulla vita professionale dell’architetto. Il giovane professionista modicano ha di recente seguito i complessi e lunghi lavori di ristrutturazione di un imponente e antico palazzo nobiliare del centro storico, adibito a lussuoso albergo a cinque stelle, uno dei più belli della provincia e non solo.

L’albergo, di proprietà del figlio di un notaio di Modica, è ubicato in via Lanteri, attaccato alla sede del Copai, nei pressi della chiesa di San Giorgio. Gli investigatori stanno tentando di capire se possa esserci un nesso tra questa circostanza lavorativa e l’incendio doloso della vettura di piccola cilindrata. Pare comunque che il giovane architetto, rispondendo alle domande dei poliziotti, abbia escluso di aver ricevuto intimidazioni o richieste estorsive. Da qui anche la necessità di scandagliare la vita privata del giovane professionista, il quale avrebbe riferito agli agenti di non annoverare nemici a lui noti.

E’ stata quindi sporta denuncia contro ignoti per il grave atto intimidatorio, che, per fortuna, non ha causato danni a persone o alle altre auto in sosta, grazie anche al tempestivo intervento dei vigili del fuoco, che hanno lavorato per circa un’ora prima di avere ragione delle fiamme, che hanno completamente distrutto l’utilitaria del giovane architetto modicano.

ANCHE A SCICLI INCENDIATE 2 AUTO
Un autentico fine settimana di fuoco, quello appena trascorso, con tre auto date alle fiamme in 72 ore a Modica e a Scicli. In ordine di tempo, il primo incendio doloso ha riguardato l’auto di piccola cilindrata di un giovane professionista modicano.

Le fiamme sono state appiccate da ignoti piromani nella notte tra venerdì e sabato in via San Giuliano, dove l’utilitaria era parcheggiata, sotto l’abitazione del proprietario. E’ stato proprio quest’ultimo a rendersi conto dell’accaduto, quando oramai le fiamme stavano avvolgendo l’auto. Sono intervenuti i vigili del fuoco per avere ragione del fuoco, che ha distrutto soprattutto la parte anteriore della vettura, dove sono state peraltro trovate inequivocabili tracce di benzina. Le indagini sono condotte dalla polizia, che ha interrogato il proprietario dell’auto data alle fiamme. Pare che l’uomo abbia risposto agli investigatori di non aver ricevuto minacce o richieste di carattere estorsivo, non sapendosi quindi spiegare il motivo dell’atto intimidatorio.

Un’altra auto è stata invece data alle fiamme nella notte tra sabato e domenica scorsi a Scicli. La vettura, a differenza di quanto erroneamente riportato in precedenza, non è di proprietà di un soggetto già noto per reati specifici, ma appartiene invece ad un noto e stimato imprenditore sciclitano. L´auto era parcheggiata in una traversa di via Tagliamento. Come nella vettura incendiata a Modica, anche in questo caso i piromani si sono serviti della benzina per incendiare la berlina, distrutta dalle fiamme che hanno poi attaccato anche una Fiat Panda parcheggiata nei pressi, di proprietà di una vigilessa. In questo caso le indagini sono condotte dai Carabinieri. Pare che il proprietario dell’auto non si sia saputo dare una spiegazione sull’accaduto. I vigili del fuoco del distaccamento di Modica hanno impiegato oltre un’ora per spegnere le fiamme che avvolgevano le due vetture.