Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 917
MODICA - 20/11/2012
Cronache - La penombra per la scarsa illuminazione pubblica facilita le azioni criminose

A Modica centro storico a rischio per i residenti

Due scippi nel giro di pochi giorni e spaccio nelle viuzze dei quartieri Foto Corrierediragusa.it

Centro storico (foto) poco sicuro. Nei vicoli e nelle stradine dei vari quartieri, Salvatore, Castello, Cartellone si susseguono atti di microcriminalità ed anche borseggi. L’ultimo in ordine di tempo in via Garibaldi ai danni di un professionista che è stato derubato del borsello con un colpo di mano di un giovane che ha approfittato della distrazione della vittima ma soprattutto dalla scarsa illuminazione dell’intera arteria che versa in condizioni di semioscurità ormai da tempo per la mancata sostituzione e manutenzione delle lampade.

L’ufficio manutenzioni del comune nonostante le varie segnalazioni non ha ancora provveduto a riparare i guasti. Al derubato di turno non è rimasto altro che denunciare il fatto alle forze dell’ordine. Altro episodio di microcriminalità nella zona di via Exaudinos dove una signora è stata scippata della borsa dove per fortuna erano custoditi pochi soldi. Anche in questo caso la semioscurità ha favorito l’azione criminosa.

Malintenzionati e malviventi utilizzano sempre più frequentemente le zone del centro storico più appartate anche per incontri di dubbia natura, come lo spaccio di sostanze stupefacenti e numerose sono le segnalazioni in questo senso da parte dei residenti nella zona del Castello. La difficoltà di operare controlli per il difficile accesso dei mezzi, i naturali anfratti e la sporadica frequentazione delle strade incoraggia attività che creano preoccupazione e sconcerto tra i residenti.