Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1252
MODICA - 07/11/2012
Cronache - All’uomo, modicano 42enne, sono stati concessi di domiciliari

Anziana truffata: un arresto

Tuè aveva falsamente asserito, con una certa affabilità, di essere nipote di una conoscente dell’anziana, inducendo quest’ultima a fidarsi di lui Foto Corrierediragusa.it

Quando la crisi induce alcuni soggetti ad approfittare dei più deboli. Un modicano 42enne non si era fatto scrupolo di truffare e derubare un’anziana di 86 anni, «spogliandola» di tutti i suoi averi: 3mila 550 euro. Per Giuseppe Tuè (foto) sono adesso scattate le manette, al termine delle indagini condotte dalla polizia a seguito della denuncia presentata in commissariato dalla stessa vittima. Tuè si era guadagnato la fiducia dell’anziana spacciandosi per tale «Saro».

L’uomo aveva avvicinato la vittima circa un mese fa, nella parrocchia di San Teodoro a Modica Alta, dove la donna si recava ogni giorno. Tuè aveva falsamente asserito, con una certa affabilità, di essere nipote di una conoscente dell’anziana, inducendo quest’ultima a fidarsi di lui. L’uomo ha allora astutamente dichiarato che la madre era ricoverata in ospedale, e che aveva bisogno di soldi per poterla assistere nel migliore dei modi. In questo modo Tuè ha commosso l’anziana, che, credendo di fare del bene al prossimo, si era recata nella sua abitazione, accompagnata da Tuè, per consegnargli dei risparmi custoditi in una busta.

Tuè aveva quindi preso il contante senza troppi ringraziamenti, scambiando l’anziana per una sorta di bancomat. L’uomo difatti cominciò a presentarsi con una certa assiduità al domicilio della donna, chiedendole sempre più soldi alla luce dell’arrendevolezza dell’anziana, che si giustificava pure dicendogli che aveva pochi soldi a disposizione.

Tuè non aveva neanche esitato a strappare dalle mani della donna le poche banconote rimaste nel portafogli semivuoto. Si trattava di piccole cifre, variabili dalle 40 alle 150 euro, che, alla fine, sommate tra loro, hanno raggiunto il consistente totale di 3mila 550 euro, praticamente tutti i risparmi della malcapitata anziana.

Quest’ultima, rimasta senza neanche un euro per provvedere alle sue esigenze, ha deciso di denunciare tutto alla polizia, che ha subito ricostruito la vicenda, inchiodando Tuè alle proprie responsabilità. All’uomo sono stati concessi i domiciliari. La polizia raccomanda alle persone anziane di non fidarsi di sconosciuti e, al minimo sospetto, di non esitare a chiamare il 113.