Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 610
MODICA - 25/10/2012
Cronache - L’uomo, ieri presente in aula, è ancora ristretto ai domiciliari

Il mago Nazzareno alla sbarra: depone una delle vittime

Secondo l’accusa, l’imputato avrebbe spillato soldi per oltre cinque anni alle sue vittime, approfittando dell’ignoranza, dell’inferiorità psicofisica e delle disgrazie altrui

E’ stata la testimonianza di una delle presunte vittime a caratterizzare la prima udienza del processo a porte chiuse a carico di una sorta di «mago – orco» pranoterapeuta che esercitava in maniera abusiva in due studi medici in altrettante città di diverse province. Nazzareno Puglisi, 64 anni, siracusano, incensurato, fu arrestato dai Carabinieri nell’estate 2011 con le accuse di violenza sessuale, truffa e circonvenzione d’incapace. L’uomo, ieri presente in aula, è ancora ristretto ai domiciliari. I militari si presentarono di buon mattino nello studio medico che il santone aveva aperto in maniera abusiva al quartiere d’Oriente.

Puglisi operava a Modica nei giorni pari, mentre nei giorni dispari «visitava» i pazienti nell’altro studio medico di Solarino, suo paese natio, nella limitrofa provincia aretusea. Secondo l’accusa, l’imputato avrebbe spillato soldi per oltre cinque anni alle sue vittime, approfittando dell’ignoranza, dell’inferiorità psicofisica e delle disgrazie altrui, nascondendo al contempo i suoi istinti sessuali dietro la rassicurante maschera di un santone guaritore. Accuse che ieri sarebbero state in larga parte confermate in aula da una delle sue presunte vittime.

La donna sentita ieri in aula, che sarebbe altresì stata oggetto delle attenzioni sessuali del «mago», avrebbe sborsato circa 10mila euro, di cui la gran parte in contanti, per farsi liberare dal malocchio. Coimputata nel procedimento, rinviato al 14 novembre per ascoltare altri teste, la compagna e collaboratrice del «Mago» Lusinda Insolia, pure lei di Solarino.


... e quanti ce ne sono di questi in giro
25/10/2012 | 9.10.27
Nadia

Purtroppo questo è uno dei tanti,quanti ce ne sono in giro che, approfittando dell´ignoranza della gente, "rubano" loro dei soldi e ne approfittano per mettere pure la mani addosso con la scusa di togliere il malocchio.
Parlo per esperienza personale, premettendo che non credo a quello che dice questa gente e fosse per me li manderei tutti in galera, ma purtroppo i miei genitori è come se fossero loro devoti, abboccano a tutto quello che dicono e per farli contenti ci sono andata pure io, poi quando ho visto qual era la situazione, la seconda volta ho mandato sia lui e loro a quel paese!