Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 450
MODICA - 23/10/2012
Cronache - Riparte da zero il procedimento sul "Campo Vega"

Processo Edison, annullato rinvio a giudizio di 6 imputati

Tutto l’incartamento ritorna pertanto nelle mani del giudice per le udienze preliminari Foto Corrierediragusa.it

Tutto da rifare. Il procedimento contro la «Edison» riparte da zero. Il giudice monocratico del tribunale di Modica Antongiulio Maggiore ha difatti annullato il rinvio a giudizio dei sei imputati, accogliendo la richiesta del collegio difensivo, che aveva presentato una eccezione di nullità per lesione del diritto alla difesa. Tutto l’incartamento ritorna pertanto nelle mani del giudice per le udienze preliminari.

Il capo di imputazione ieri annullato dal tribunale riguardava il traffico organizzato di rifiuti. Le ipotesi di accusa di inquinamento dell´ambiente marino erano difatti già state escluse in fase preliminare. La difesa aveva già presentato un ulteriore ricorso in Cassazione per l’annullamento del rinvio a giudizio, richiesta comunque già accolta dal giudice monocratico Maggiore. Il procedimento aveva preso le mosse dalla vicenda relativa al «Campo Vega», sui presunti sversamenti in mare di sostanze derivanti dall’estrazione di idrocarburi a cinque miglia al largo di Pozzallo, da parte della piattaforma galleggiante «Vega Oil», poi sostituita dalla «Leonis».

I difensori avevano eccepito sui reati per i quali i loro assistiti erano stati rinviati a giudizio e che, secondo loro, sarebbero stati più gravi rispetto alle accuse contestate in origine, a causa della decisione della pubblica accusa di rivedere l’impianto accusatorio prima del rinvio a giudizio, salvo poi tornare sui propri passi.

Tesi evidentemente condivisa dal giudice, che ha dunque annullato il rinvio a giudizio per Marcello Costa, direttore responsabile del sito di coltivazione e produzione mineraria; Michele Giannone e Francesco Lubrano Lavardera, comandanti pro-tempore della nave galleggiante «Vega Oil», asservito al sito di coltivazione e produzione mineraria «Campo Vega»; Angelo Maione, responsabile per la sicurezza e l’ambiente del «Campo Vega»; Umberto Quadrino, amministratore delegato della «Edison Spa», proprietaria del «Vega Oil, annesso al «Campo Vega», di cui è società concessionaria, e Andrea Cosulich, amministratore delegato della «Fratelli Cosulich Spa», società armatrice del nominato Galleggiante «Vega Oil».

Nella foto in alto il Campo Vega