Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1085
MODICA - 22/10/2012
Cronache - Il processo torna dalla Corte d’Assise di Siracusa al gup di Modica

Strangolò la moglie: giudizio abbreviato per La Terra

La competenza del procedimento era passata ai giudici aretusei a seguito del giudizio immediato richiesto dalla procura di Modica Foto Corrierediragusa.it

Dal giudizio immediato richiesto dalla procura si passa al giudizio abbreviato invocato dai difensori. Pertanto il procedimento giudiziario a carico dell’uxoricida di Scicli Massimo La Terra (foto), 41 anni, ritorna dalla Corte d’Assise di Siracusa al gup del tribunale di Modica, dinanzi al quale è stata fissata l’udienza a porte chiuse per il prossimo sette dicembre. La competenza del procedimento era passata ai giudici aretusei a seguito del giudizio immediato richiesto dalla procura di Modica. Ma i difensori del presunto uxoricida, gli avvocati Enrico Platania e Raffaele Rossino, nella prima udienza svoltasi la scorsa settimana in Corte d’Assise, hanno a loro volta chiesto per il loro assistito il giudizio abbreviato.

Richiesta accolta dai giudici, e la competenza è quindi di nuovo passata al gup del tribunale modicano. Massimo La Terra è accusato di aver strangolato la moglie Rosetta Trovato, uccidendola, lo scorso 14 gennaio, nella loro abitazione di via Simeto, al quartiere Stradanuova. I magistrati del riesame etneo avevano confermato il provvedimento di custodia cautelare per La Terra, ritenendo sussistente a carico dell´indagato «un grave quadro indiziario ulteriormente arricchitosi con la produzione da parte del pm di nuove dichiarazioni rese da persone informate sui fatti». La Terra si è sempre professato innocente.