Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 905
MODICA - 21/10/2012
Cronache - Manette per Leonora Marchesi, 50 anni, e Caterina Fidone, di 23

Anziano malmenato e rapinato da 2 donne a Modica

Alle due donne, arrestate venerdì pomeriggio per rapina aggravata e lesioni personali gravi in concorso, sono stati concessi gli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni

Due donne si conquistano la fiducia di un anziano di 70 anni, lo fanno salire sulla loro auto e lo rapinano del portafogli contenente appena 75 euro, dopo avergli fratturato una costola e procurato delle lesioni. E’ quanto accaduto a Modica e reso noto dalla denuncia sporta dal malcapitato modicano in commissariato. E proprio gli agenti hanno ammanettato in poche ore le responsabili della rapina con tanto di aggressione: si tratta di Leonora Marchesi, 50 anni, originaria di Cremona, ma da anni residente a Modica, già nota per estorsione, e della sua giovane amica Caterina Fidone, 23 annni, incensurata, ma spesso vista accompagnarsi con soggetti poco raccomandabili.

Alle due donne, arrestate venerdì pomeriggio per rapina aggravata e lesioni personali gravi in concorso, sono stati concessi gli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni. La Marchesi e la Fidone, a bordo della loro auto, avevano adocchiato l’anziano che passeggiava per strada, offrendosi di dargli un passaggio verso casa, alla periferia di Modica Alta. Non sospettando minimamente di andarsi a cacciare nella bocca del leone, l’uomo si è fidato dei sorrisi rassicuranti delle due donne, salendo con loro in auto.

Dopo essersi appartate in una zona semideserta, le due malviventi hanno strappato con la forza il portafogli dalle tasche dell’anziano, che ha opposto resistenza, dando luogo ad una colluttazione dalla quale l’uomo ne è uscito piuttosto malconcio. La successiva denuncia in commissariato e la visione di alcune foto segnaletiche di persone sospettate hanno consentito all’anziano di mettere i poliziotti sulla pista giusta, inchiodando le due donne alle loro responsabilità.