Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 778
MODICA - 13/03/2008
Cronache - Modica - L’incidente si verificò a Maganuco circa 20 anni fa

Mira alla beccaccia ma colpisce l´amico: cacciatore condannato

Dovrà risarcire di 18mila euro la parte civile ferita al volto Foto Corrierediragusa.it

E’ finita col costare cara ad un cacciatore la pessima mira che gli fece colpire il compagno in un occhio, invece della beccaccia che se ne volò allegramente via. Oltre che imbranato, il modicano Rosario Caruso è stato anche piuttosto sfortunato: la compagnia assicurativa che lo avrebbe dovuto coprire per incidenti del genere è andata in fallimento.

E così Caruso dovrà liquidare ben 18mila euro al collega accidentalmente colpito nell’incidente di caccia verificatosi un ventennio fa nei pressi di Maganuco. L’assicurazione, giudicando ben strana la dinamica dell’incidente, aveva presentato ricorso in appello per non pagare la somma che, nella sentenza di primo grado, era stata liquidata in appena cinque milioni di lire.

Stante il fallimento dell’assicurazione, all’ex compagno di battute di caccia dell’imputato non è rimasto altro da fare che subentrare in appello. A Caruso è stato nel frattempo pignorato un immobile. Tramite l’avvocato Antonio Borrometi, l’imputato ha quindi chiesto la conversione del pignoramento nel pagamento della somma pecuniaria.

Considerati gli interessi maturati nel corso di questi ultimi vent’anni, dagli originari cinque milioni di lire si è arrivati agli attuali 18mila euro, in base al pronunciamento dei giudici etnei. L’incidente di caccia si sarebbe potuto rivelare ben più tragico. Invece dell’occhio, il cacciatore colpito avrebbe potuto perdere la vita.

La vittima dovette peregrinare da un ospedale all’altro, in tutto il Paese, sottoponendosi a numerosi interventi chirurgici per limitare i danni causati dai pallini. Sta adesso alla parte civile decidere se concedere o meno una dilazione all’imputato, per poterlo mettere nelle condizioni di poter racimolare i 18mila euro che gli eviterebbero la messa all’asta dell’immobile pignorato. E tutto per una beccaccia.