Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 814
MODICA - 19/09/2012
Cronache - L’episodio in piazza Rizzone davanti a molti passanti increduli

Anziani maneschi a Modica: lite con ingiurie e pugni

Salvatore Cappello è stato arrestato dai Carabinieri

Un litigio plateale in piazza Corrado Rizzone. Un episodio che potrebbe anche rientrare nella normalità, ma che ha prima incuriosito, e poi preoccupato i tanti passanti presenti alla scena.

A litigare infatti sono stati due anziani, uno di 66 ed uno di 71 anni, che prima se ne sono dette di tutti i colori e poi ha visto il più anziano dei due trascendere fino a minacciare e colpire il suo quasi coetaneo. Futili motivi di interesse sono stati alla base del litigio che è iniziato in modo quasi pacato e poi è trasceso nonostante il tentativo di qualche passante di riportare la pace tra i due.

Salvatore Cappello, 71 anni, ha cominciato infatti ad inveire e minacciare il suo interlocutore e poi quasi ad inseguirlo nel momento in cui S.P., 66 anni, ha cercato di sottrarsi alla furia del suo aggressore che aveva già cominciato a mollare i primi pugni. Nel frattempo una pattuglia dei Carabinieri è arrivata sul posto ed ha sedato la lite cercando di capire cosa stesse succedendo.

I due anziani sono stati portati in caserma per l’interrogatorio di rito. S. P. ha presentato querela contro il suo aggressore per minaccia, ingiuria, lesioni personali aggravate e porto di arma atta ad offendere. I Carabinieri infatti hanno ritrovato in una fioriera del vicino viale Medaglie d’Oro un coltello da cucina di circa 20 centimetri che Salvatore Cappello ha utilizzato per minacciare S. P.

L’uomo ha cercato prima di occultare il coltello tenendolo all’interno di un calzino e poi alla vista dei carabinieri ha tentato di liberarsene per non correre ulteriori rischi. Salvatore Cappello è stato poi rimesso in libertà, ma con l´obbligo di firma periodica nella caserma dei Carabinieri, dopo la convalida dell´arresto disposta dal gip.