Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1339
MODICA - 11/09/2012
Cronache - Le due avevano rapinato una connazionale

Convalidato doppio arresto romene, madre e figlia

Il gip ha concesso i domiciliari a Irina Mihalache, 34 anni, mentre la figlia 17enne è stata affidata ad una comunità di recupero

Convalida degli arresti per le due romene, madre e figlia minorenne, arrestate sabato scorso dalla Polizia per rapina in concorso. Il gip ha concesso i domiciliari a Irina Mihalache, 34 anni, mentre la figlia 17enne è stata affidata ad una comunità di recupero. Le due donne erano accusate di aver rapinato una loro connazionale in centro storico, a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria di Betlemme, in corso Umberto I.

In un primo momento, si era pensato ad una rapina in uno dei tanti negozi del centro, ma in effetti le due romene avevano preso di mira proprio una loro connazionale, che aveva tentato di difendersi, facendo scaturire una rissa che aveva allarmato i passanti, qualcuno dei quali aveva poi chiamato il 113. Le due romene erano note in zona perché chiedono l’elemosina. Non avevano mai creato problemi. Poi la rapina alla connazionale, che avevano incontrato poco lontano dalla chiesa. Pare che la vittima della rapina portasse, nascosti nel reggiseno, un cellulare e del contante, circa 80 euro, di cui si erano appropriate con la forza le due romene, non lesinando calci e pugni alla malcapitata, addirittura sbattuta con violenza contro un’auto in sosta.

Madre e figlia si erano poi dileguate con il bottino. La polizia le aveva rintracciate nella loro stessa abitazione, su indicazioni fornite dalla vittima. La 17enne aveva quindi consegnato una banconota da 20 euro agli agenti, forse parte del denaro sottratto alla donna, negando però i fatti. Alcuni testimoni e le lesioni riportate dalla vittima, giudicata guaribile in una decina di giorni dai medici del pronto soccorso, avevano però alla fine inchiodato madre e figlia alle loro responsabilità. Peraltro alcune banconote era cadute per strada durante la rissa, prontamente recuperate dai testimoni che le avevano poi consegnate alla polizia.