Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1195
MODICA - 02/03/2008
Cronache - Modica - Incidente in contrada Aguglie. Coinvolti cinque giovani

Due feriti per un sorpasso in contemporanea

Scontro tra una A3 ed una Seat. La peggio ad un pozzallese Foto Corrierediragusa.it

Cinque giovani sono stati coinvolti nella tarda serata di sabato in un incidente della strada verificatosi in contrada Aguglie.
I cinque sono stati trasportati al Maggiore di Modica ma solo due di loro, F. A. 22 anni, e, G.R. 20 anni, entrambi di Pozzallo, sono stati ricoverati per le ferite riportate; il primo al cuio capelluto ed al lobo dell’orecchio destro.

Il giovane è stato operato dai medici del reparto di otorino che hanno suturato la profonda ferita ed ha avuto una prognosi di due settimane mentre G.R. ha riportato una ferita alla regione iliaca ed ha avuto una prognosi di dieci giorni. Escoriazioni di poco conto ma tanta paura per gli altri tre giovani.
La dinamica dell’incidente è stata ricostruita dai carabinieri della compagnia di Modica che sono intervenuti in contrada Aguglie al bivio tra la Modica Pozzallo e la Modica Ispica.

L’Audi A3, guidata da F. A. , con a bordo i due compagni, G.R. ed S.G., di 20 e 22 anni, seguiva una Seat che si dirigeva verso Pozzallo.
La Seat,guidata da G.C., 20 anni, insieme al quale si trovava G.F. , 21 anni, stava per effettuare una operazione di sorpasso quando la A3 in contemporanea decideva di effettuare la stessa manovra. L’urto tra le due macchine in fase di sorpasso era inevitabile e la A3 aveva la peggio.

La macchina infatti sbandava e finiva contro il muro a secco di cinta per poi ritornare al centro della carreggiata.
Per fortuna le macchine che sopraggiungevano dall’altra direzione si accorgevano dell’impatto e frenavano per tempo.

(Immagine di repertorio)