Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1332
MODICA - 07/06/2012
Cronache - L’incidente martedì sera sulla ex statale 115 Modica - Ispica

Camion contro moto, grave a Messina 30enne di Rosolini

Il giovane rosolinese, che versa in coma attaccato alle macchine dell’ospedale del capoluogo peloritano, si chiama Bartolo Pitrolo

E’ ricoverato in prognosi riservata nel reparto di neurochirurgia del Policlinico di Messina un giovane di 30 anni residente a Rosolini e scontratosi martedì sera con un camion Om 35, mentre viaggiava in sella alla propria moto «Triumph» di grossa cilindrata lungo la ex statale 115 Modica – Ispica, all’altezza dei curvoni.

Il giovane rosolinese, che versa in coma attaccato alle macchine dell’ospedale del capoluogo peloritano, si chiama Bartolo Pitrolo, studente universitario e presidente di un’associazione giovanile di Rosolini. Immediata la corsa in ambulanza dal luogo dell’incidente fino all’ospedale «Maggiore» di Modica, dove i medici del pronto soccorso, una volta attivato il codice rosso, hanno subito prestato le prime cure allo sfortunato centauro, le cui condizioni si sono subito presentate gravissime.

Il 30enne, politraumatizzato, riportava traumi multiorgano e trauma cerebrale, con una vasta emorragia interna. Subito è stato fatto atterrare l’elicottero, intorno alle 23, che, dal «Maggiore», ha trasferito l’uomo al policlinico di Messina, dove, come accennato, si trova ricoverato in gravissime condizioni in stato di coma. I rilievi dell’incidente sono stati effettuati dalla Polstrada. Illeso, ma in stato di shock, il conducente del mezzo pesante. Ancora da accertare le cause dell’incidente.

Forse uno dei due mezzi ha parzialmente invaso la corsia opposta, determinando il violento scontro che ha sbalzato il centauro a circa quattro metri dal punto d’impatto. Pare che Bartolo Pitrolo indossasse il casco protettivo e questa circostanza ha evitato il decesso sul colpo. Il tratto di strada dove si è verificato lo scontro è scarsamente illuminato, e ciò potrebbe aver influito sulla dinamica dell’incidente, al vaglio della Polstrada che ha proceduto al sequestro dei due mezzi coinvolti.