Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1457
MODICA - 23/05/2012
Cronache - Per tutti e sei il sostituto procuratore ha chiesto il rinvio a giudizio

Presunti assenteisti al Cup: udienza preliminare per 6

Il sestetto deve rispondere di truffa aggravata ai danni di un ente pubblico
Foto CorrierediRagusa.it

Udienza preliminare per sei imputati dipendenti Asp e presunti assenteisti dal posto di lavoro, tre dei quali a suo tempo arrestati dalla polizia nell’ambito del blitz antiassenteismo condotto nel marzo 2011 al centro di prenotazione unico di via Aldo Moro, il cosiddetto Cup, noto anche come palazzo di vetro (foto). Dinanzi al gup dovranno comparire il prossimo 4 ottobre Francesco Roccaro, 52 anni, difeso dagli avvocati Fabio Borrometi ed Enrico Trantino, nonché Elena Scivoletto e Concetta Baglieri, di 50 e 48 anni, entrambe facenti parte dell’ufficio di Roccaro, difese dagli avvocati Alfonso Cannata, Ivan Pediglieri e Salvatore Citrella.

Dinanzi al magistrato si presenteranno anche tre dipendenti del palazzo di vetro, che, a suo tempo, furono solo denunciati a piede libero: si tratta di M.G., V.C., e G.R. difesi dal’avvocato Salvo Maltese. Per tutti e sei gli imputati il sostituto procuratore Gaetano Scollo ha avanzato richiesta di rinvio a giudizio. Il sestetto deve rispondere di truffa aggravata ai danni di un ente pubblico. Secondo la pubblica accusa, il reato contestato si sarebbe concretizzato «nell’indebito allontanamento dei sei imputati, per significativi periodi di tempo, dal posto di lavoro, dopo aver timbrato il cartellino».

Un fatto che, secondo l’accusa, deve ritenersi «assenza economicamente apprezzabile, ed integra il reato di truffa aggravata». Nel frattempo l´Asp di Ragusa ha deciso di costituirsi in giudizio contro i sei imputati. L´inchiesta antiassenteismo è duplice: a quella principale che vedrà comparire il 4 ottobre in udienza preliminare i sei imputati, se ne affianca un’altra, nella quale figura un altro medico e altri dipendenti degli stessi uffici sanitari modicani. Una parte degli indagati sono di fatto stati sospesi dall’Asp.