Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 996
MODICA - 14/05/2012
Cronache - C’è anche la ex soprintendente di Ragusa Vera Greco

Casa abusiva Lombardo, 4 richieste di rinvio a giudizio

La casa, edificata a meno di 120 metri dalla battigia, limite minimo consentito dalla legge, si estende su 70 metri quadri

C’è anche la ex soprintendente di Ragusa, adesso in carica a Siracusa, Vera Greco, tra le quattro persone per le quali la procura ha avanzato richiesta di rinvio a giudizio al gup del tribunale di Modica, nell’ambito del processo stralcio sulla villetta abusiva di Cirica, a Ispica, di proprietà di Saveria Grosso, per la quale è stata avanzata la medesima richiesta di rinvio a giudizio. Saveria Grosso è la moglie del presidente della Regione Raffaele Lombardo. Le altre richieste di rinvio a giudizio riguardano un dirigente della soprintendenza, Calogero Rizzuto, e un dirigente del comune di Ispica, Giuseppe Caschetto. Tutti sono accusati di abuso d’ufficio e saranno processati il prossimo 28 giugno.

Saveria Grosso, imputata anche nel processo principale, è già comparsa lo scorso 8 maggio dinanzi al giudice, insieme al direttore dei lavori e al legale rappresentante dell’impresa che li ha eseguiti. La casa, edificata a meno di 120 metri dalla battigia, limite minimo consentito dalla legge, si estende su 70 metri quadri. Già in passato l´immobile , in origine di proprietà dello stesso Lombardo, che poi lo donò alla moglie, era stato sottoposto a sequestro. Nel maggio 2011 la Corte di Cassazione aveva rigettando l’istanza dell’avvocato Salvatore Poidomani, difensore della proprietaria, teso a dissequestrare la villetta, confermando il medesimo rigetto da parte del Tribunale della Libertà di Ragusa.