Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1381
MODICA - 09/05/2012
Cronache - La decisione del gip del tribunale

Rischio idrogeologico: convalidato sequestro alveo

Le indagini, delegate dal procuratore della Repubblica di Modica Francesco Puleio, erano state avviate a seguito dell’esposto presentato dai residenti di via Fontana
Foto CorrierediRagusa.it

Convalidato dal gip il sequestro preventivo operato nei giorni scorsi dai Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa dell’area comunale a ridosso del torrente Pozzo dei Pruni, in contrada Vignazza. Il sequestro, è questa la novità, è stato convalidato per l’elevato rischio idrogeologico. Le indagini, delegate dal procuratore della Repubblica di Modica Francesco Puleio, erano state avviate a seguito dell´esposto presentato dai residenti di via Fontana. E´ stato accertato infatti che l´area in questione è caratterizzata, come accennato, da un elevato rischio idrogeologico.

In caso di piogge torrrenziali l´acqua, secondo quanto appurato, potrebbe tracimare in più punti e recare seri danni agli edifici ed ai terreni circostanti. Il rischio idrogeologico è amplificato nel tratto a valle dove è stato scoperto un deposito abusivo di inerti, di circa 100 metri cubi, posto sopra l’argine destro. La discarica abusiva, secondo quanto hanno accertato le forze dell´ordine, ha provocato un significativo restringimento dell’alveo stesso, da 15 metri ad appena 2, rendendo difficoltoso il regolare deflusso delle acque.

Il deposito di materiale è costituito da demolizioni edili, rocce presumibilmente di natura calcarea compattati ed eternit. L’inchiesta verterebbe anche sulla controversa vicenda della costruzione di sette palazzi di sei piani ciascuno nella zona. Si tratta del progetto complessivo di 17 milioni di euro a compartecipazione pubblico - privata, con la Regione che mette 6 milioni e mezzo, il privato (la Edilzeta di Zaccaria) 10 milioni, e il comune 484 mila euro, l’equivalente del prezzo del terreno ceduto per la realizzazione dei palazzi. L’abuso contestato consisterebbe in particolare nella creazione di un viottolo che si addentra all’area in oggetto e che avrebbe determinato il restringimento del letto. Il viottolo era stato in gran parte rimosso in questi giorni dopo le segnalazioni dei residenti.