Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1123
MODICA - 09/04/2012
Cronache - Per resistenza a pubblico ufficiale e violazione dell’obbligo di soggiorno

Un anno di carcere per Fausto Tarcisio La Terra

L’uomo resta rinchiuso nel carcere di Cavadonna a Siracusa

Condanna ad un anno di carcere con il rito immediato per il sorvegliato speciale di Scicli Fausto Tarcisio La Terra, arrestato lo scorso ottobre dalla polizia dopo un folle inseguimento da Ragusa a Scicli. L’imputato, che resta rinchiuso nel carcere di Cavadonna, nel Siracusano, era peraltro stato sottoposto consulenza neurologica dal perito del giudice, Francesco Arezzi. La condanna è stata inflitta dal giudice Anton Giulio Maggiore, in accoglimento della richiesta avanzata dal pm Veronica Di Grandi. Tutto accadde mentre gli agenti di una volante effettuavano un posto di controllo in viale delle Americhe, a Ragusa. All’improvviso arrivò a velocità sostenuta una Fiat Punto guidata proprio da La Terra.

I poliziotti intimarono l´alt ma il conducente, come se nulla fosse, proseguì la sua corsa, aumentando la velocità per sfuggire al controllo. Gli agenti si misero all’inseguimento dell’auto, chiedendo al contempo l’ausilio di una seconda volante. Gli agenti delle due volanti continuavano ad intimare di fermarsi al conducente in fuga, che mise invece in atto una serie di manovre pericolosissime, quali improvvise inversioni di marcia, tentando di speronare le auto della Polizia. L’inseguimento da Ragusa si protrasse fino al centro abitato di Scicli.

Il fuggiasco, pensando forse di essere riuscito a far perdere le proprie tracce, si fermò sotto la propria abitazione in centro storico. A questo punto gli agenti, che non avevano mai perso di vista l’uomo, pur seguendolo a distanza per prudenza, lo ammanettarono.

L’uomo si diede alla fuga poiché non si sarebbe dovuto trovare a Ragusa, visto che risultava essere destinatario della misura di prevenzione di pubblica sicurezza dell’obbligo di soggiorno nel comune di Scicli. L’uomo fu dunque arrestato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e violazione dell’obbligo di soggiorno impostogli dalla sorveglianza speciale, oltre alla guida senza patente e le sanzioni amministrative per la mancanza della copertura assicurativa.