Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 889
MODICA - 06/04/2012
Cronache - E’ stata rimessa in libertà dal gip dopo un giorno di "domiciliari"

Minaccia e rapina una donna dell´Est, arrestata modicana

Ha utilizzato un coltello, e, dopo essersi impossessata di due cellulari e di una ingente somma di denaro, si è allontanata

Arrestata dalla polizia una 48enne di Modica, incensurata e madre di famiglia, colta in flagranza di reato di rapina in danno di una giovane donna dell’Est Europa, minacciata anche con un coltello.

In particolare, la modicana aveva incontrato la vittima in un locale pubblico del centro commerciale per chiarire alcune controversie scaturite quando la giovane cittadina straniera aveva lavorato alle sue dipendenze come badante per l’anziana madre. Nel corso del rapporti di lavoro, alla badante erano state regalate somme di denaro e telefonini cellulari, che, a seguito delle controversie con la ragazza dell’est, la modicana intendeva riavere indietro.

A questo scopo la donna aveva escogitato uno stratagemma per incontrarsi con la ragazza immigrata. In questa circostanza, vista la reticenza da parte della cittadina straniera a restituirle quanto richiesto, la donna non aveva esitato a minacciarla con un coltello, e, dopo essersi impossessata di due cellulari e di una ingente somma di denaro, si allontanava a bordo della propria auto. L’episodio era stato ripreso integralmente da una delle telecamere di sicurezza a circuito chiuso del locale.

Nel frattempo la ragazza chiamava il 113 e gli agenti rintracciavano subito la modicana mentre stava facendo rientro nella sua abitazione. La donna, sottoposta a perquisizione personale, è stata trovata in possesso della refurtiva sottratta poco prima all’immigrata. Sono quindi scattate le manette.

Dopo 24 ore ai domiciliari, la donna è stata rimessa in libertà su decisione del gip del tribunale, con l’obbligo di non avvicinarsi e di non comunicare in alcun modo con la vittima.