Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1210
MODICA - 21/03/2012
Cronache - Risultava sconosciuta al fisco un’azienda di costruzione di imbarcazioni da diporto

Evasione milionaria scoperta a Modica dalla Finanza

La Guardia di Finanza ha richiesto l’applicazione delle eventuale ipoteca dei beni del trasgressore e, se questa misura non dovesse risultare sufficiente, potrà anche chiedere il sequestro conservativo dell’azienda
Foto CorrierediRagusa.it

Aveva «dimenticato» di presentare la dichiarazione dei redditi e di versare l’Iva. La verifica degli uomini della Guardia di Finanza ha accertato un’evasione di oltre un milione mezzo di euro tra ricavi non dichiarati e 140 mila euro di Iva dovuta e non versata. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno dovuto lavorare a lungo per stanare il titolare di una azienda modicana operante nel settore della costruzione e delle riparazioni di imbarcazioni da diporto sportive che fino a qualche tempo fa risultava sconosciuta al fisco.

Una volta individuata gli uomini delle Fiamme Gialle sono andati avanti nel loro lavoro ed hanno sollecitato il titolare a mettersi in regola, anche se il loro invito è caduto più volte nel vuoto. L’analisi investigativa sui conti e la verifica fiscale ha consentito così di portare alla luce la zona grigia dell’evasione. L’azienda infatti, per più anni consecutivi non ha presentato la dichiarazione dei redditi e non ha versato le relative imposte sul reddito e sull’Iva riscossa dalle vendite e riparazioni di imbarcazioni effettuate.

Ora il titolare dell’azienda dovrà subito mettersi in regola con il pagamento delle imposte dovute, arretrate e non, e versare anche le sanzioni del caso. Per rivalersi nei confronti dell’imprenditore la Guardia di Finanza ha richiesto l’applicazione delle eventuale ipoteca dei beni del trasgressore e, se questa misura non dovesse risultare sufficiente, potrà anche chiedere il sequestro conservativo dell’azienda.

L’individuazione dell’azienda è stata ottenuta grazie agli studi di settore ed alle analisi economiche e fiscali portate avanti nel territorio. Il mancato pagamento delle imposte ed il mancato pagamento dell’Iva pone infatti gli imprenditori trasgressori in condizioni di vantaggio nei confronti di chi rispetta le regole e versa regolarmente in tributi.