Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 642
MODICA - 22/03/2012
Cronache - I funerali concelebrati nella chiesa di S. Pietro gremita in tutte le sue navate

Addio al sindacalista e docente Raffaele Brafa

Ricordato il suo impegno come segretario procinciale del sindacato autonomo Gilda Foto Corrierediragusa.it

Chiesa di S. Pietro gremita per l’ultimo saluto a Raffaele Brafa. Familiari, parenti, docenti, rappresentanti del mondo sindacale, colleghi di lavoro non hanno voluto mancare al funerale che è stato seguito con grande commozione.

La cerimonia religiosa è stata concelebrata da Don Corrado Lorefice, arciprete di S. Pietro, da Don Rosario Rabbito e don Umberto Bonincontro.

Nell’omelia Don Lorefice non ha fatto cenno al gesto messo in atto da Raffaele Brafa e si è soffermato invece sul valore della vita eterna nella grazia del Signore. Stefania Garrone, docente e componente della segreteria provinciale della Gilda, di cui Raffaele Brafa era coordinatore, ha messo in risalto l’impegno del sindacalista a difesa delle categorie più in difficoltà come precari e giovani.

La morte di Raffaele Brafa
Il corpo esanime del docente, nonché ingegnere e sindacalista della Gilda, è stato trovato dai familiari nella casa di campagna di contrada S. Elena. Qui Raffaele Brafa, 51 anni, si era recato nelle prime ore del mattino, dopo essersi allontanato dalla sua casa di viale Medaglie d’oro, decidendo di togliersi la vita.

Quando il corpo è stato trovato dalla moglie e dalla figlia di 23 anni non c’era più nulla da fare. Raffaele Brafa, ingegnere elettronico, da dieci anni era alla guida del sindacato autonomo Gilda ed era molto conosciuto nel mondo della scuola.

Il docente aveva lasciato da qualche anno l’incarico presso l’istituto Archimede a Modica proprio per dedicarsi a tempo pieno all’attività sindacale che lo ha visto in prima linea sul fronte del precariato.

Molti i messaggi di solidarietà arrivati alla moglie ed ai tre figli che non sono riusciti a capacitarsi del gesto del loro congiunto.

Alla famiglia Brafa le più sentite condoglianze della redazione e dello staff tutto di Corriere di Ragusa .it