Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1165
MODICA - 21/03/2012
Cronache - Avviso di conclusione delle indagini per i venticinque indagati nell’inchiesta

Agenzia matrimoniale col "trucco", indagini concluse

Di mezzo ci sarebbe un numero consistente di matrimoni combinati tra cittadini italiani e maghrebini residenti in Italia

Avviso di conclusione delle indagini per i venticinque indagati nell´inchiesta «Agenzia matrimoniale» che risale allo scorso mese di novembre. La Procura della Repubblica sta notificando in queste ore gli atti alle parti interessate che potrebbe poi sfociare nella richiesta di rinvio a giudizio per parecchi di loro nelle prossime settimane. Di mezzo ci sarebbe un numero consistente di matrimoni combinati tra cittadini italiani e maghrebini residenti in Italia. L’organizzazione sarebbe stata gestita da immigrati che operavano a Modica e nel circondario.

Il compito sarebbe stato quello di trovare un coniuge italiano, nella maggior parte dei casi un individuo in stato di indigenza, a cittadini maghrebini in scadenza di permesso di soggiorno da far convolare a nozze, in maniera tale da fard ottenere il rinnovo automatico del titolo di soggiorno e bypassare le ordinarie procedure ministeriali che riservano esigue quote di ingresso in Italia ai cittadini originari del Marocco. Le persone compiacenti ricevevano un compenso in denaro. Dopo qualche anno sarebbe poi partita la richiesta di cittadinanza italiana. In molti casi il matrimonio si sarebbe celebrato tra il cittadino italiano e lo straniero entrato clandestinamente in Italia al fine di evitarne l’espulsione.

In altri casi il matrimonio sarebbe stato addirittura celebrato in Marocco, con tanto di falsa conversione all’Islam da parte del coniuge italiano il quale, una volta tornato in Italia, avviava l’iter per il ricongiungimento familiare col coniuge all’estero.