Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1158
MODICA - 01/03/2012
Cronache - Il terzetto aveva derubato in casa un’anziana 82enne

Condannate e già libere le sorelle zingare ladre

Le ladre si erano portate via 6mila 700 euro e oggetti d’oro
Foto CorrierediRagusa.it

Sono state processate, condannate e scarcerate le due sorelle zingare incensurate che, assieme alla zia, avevano derubato di 6mila 700 euro in contanti e di due anelli e un collier d’oro un’anziana 82enne nella sua stessa abitazione di via Liguria, a Modica Alta. Il processo direttissimo, dopo la convalida degli arresti, è stato celebrato a carico di Veronica e Giuseppina Crescimone, di 23 e 26 anni. Entrambe hanno chiesto ed ottenuto di poter accedere al patteggiamento della pena e il magistrato ha applicato loro un anno e 8 mesi di carcere, con la sospensione condizionale, e 600 euro di multa ciascuno. Le due sorelle zingare sono così tornate libere.

Resta invece in carcere la zia Maria Crescimone, 42 anni, perché già nota agli investigatori per reati quali furto e rapina. La donna, in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato lunedì prossimo, resta rinchiusa nella sezione femminile del carcere di Ragusa. Le tre malviventi si erano finte infermiere dei servizi sociali del comune di Modica e avevano così carpito la fiducia della 82enne. Così mentre due zingare distraevano la malcapitata misurandole la pressione arteriosa e chiedendole informazioni sul suo stato di salute per assicurarle una fantomatica assistenza sanitaria gratuita a domicilio, la terza girava per casa alla ricerca del contante e dei preziosi.

Il terzetto si era poi dileguato, mentre l’anziana cominciava a rendersi contro di quanto le era accaduto. La donna era stata avvicinata dalle tre zingare mentre se ne stava sull’uscio di casa a prendere un po’ d’aria. La scena non era sfuggita ad un operatore ecologico che stava spazzando nei pressi dell’abitazione dell’anziana e che, saputo dalla stessa vittima cosa le fosse successo, si era messo a disposizione della polizia, fornendo un dettagliato identikit delle malviventi.

Non è stato difficile risalire alla loro identità, dal momento che Maria Crescimone era già, come accennato, presente negli archivi delle forze dell’ordine. Le tre zingare erano state intercettate e bloccate dagli agenti nei pressi di Noto, dove si stavano recando per raggiungere la loro abitazione. I poliziotti hanno recuperato la refurtiva, riconsegnando soldi e monili alla legittima proprietaria.

A questo proposito il dirigente a scavalco del commissariato Vinzy Siracusano raccomanda ai cittadini di collaborare con la polizia, denunciando eventuali truffe o furti subiti e segnalando persone ritenute sospette. Dalla collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine scaturiscono infatti sempre ottimi risultati, come accaduto nel caso in oggetto.

Nella foto da sx Maria Crescimone e le nipoti Veronica e Giuseppina Crescimone


VIVA L´ITALIA
02/03/2012 | 8.46.01
Reyals

Il fatto è che purtroppo il nostro paese (Italia) è troppo permissivo e non punisce a dovere questi piccoli reati che invece vengono fatti oggetto di "amnistia". Il patteggiamento andrebbe eliminato perchè se si agisce in malo modo poi cosa vuoi patteggiare? Di queste furbette, così facendo, ne avremo in giro per strada sempre di più, senza poter opporre nessun tipo di resistenza. Le forze dell´ordine, per quanto possibile, fanno il loro dovere, ma il tutto viene "sempre" vanificato dalla legislazione italiana inefficiente ed ottusa. Che volete farci...
Viva l´Italia!!!


Conviene andare a rubare
02/03/2012 | 0.17.44
...

Sarò provocatorio, ma a sto punto conviene andare a rubare tanto al massimo si rischia una multa di 600 euro!


ma finiamola...
01/03/2012 | 16.59.59
giovanni

preziosa la collaborazione dei cittadini? e per cosa? per farle arrestare e poi rilasciare come hanno fatto con queste belle tipe?
ma finiamola....