Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 613
MODICA - 16/02/2012
Cronache - Allo scommettitore disonesto piaceva vincere gratis

Ruba 14 "Gratta e vinci", modicano a giudizio per furto

L’uomo è accusato d’aver rubato 14 biglietti del gratta e vinci da una ricevitoria di Modica per un valore di 280 euro

Quando si dice «ti piace vincere facile». Ad un modicano di 41 anni piaceva più che altro vincere gratis. L’uomo è difatti accusato d’aver rubato 14 biglietti del gratta e vinci da una ricevitoria di Modica. I nodi sono venuti al pettine con le indagini dirette dal sostituto procuratore Gaetano Scollo e coordinate dal procuratore Francesco Puleio.

A carico dello scommettitore ladro la Procura della Repubblica di Modica ha emesso il decreto che dispone il giudizio per il reato di furto aggravato. Il furto ammontava a circa 280 euro, dal momento che l’uomo aveva riservato le sue attenzioni solo ai biglietti più costosi, quelli da 20 euro cadauno, che promettono vincite da sogno. Un reato commesso dall’uomo nella speranza che uno di questi biglietti potesse contenere l’agognata cifra destinata magari a cambiargli la vita. Invece è scattata la denuncia, dal momento che del furto si era accorto il gestore della rivendita di tabacchi. Il commerciante aveva difatti poggiato i gratta e vinci sul bancone.

I biglietti erano però spariti in un baleno, visto che, con mossa repentina tuttavia non passata inosservata, lo scommettitore se li era messi in tasca senza passare alla cassa. Nel vano tentativo di mascherare il furto con destrezza, il modicano aveva chiesto non nonchalance al gestore tre ricariche telefoniche da accreditare su altrettanti numeri di cellulare annotati su un figlio. Il gestore della ricevitoria ha assecondato l’uomo, che è andato via tranquillo, salvo poi denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine.