Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1123
MODICA - 16/02/2012
Cronache - L’uomo dovrà adesso rispondere dinanzi al giudice di sostituzione di persona

Su Facebook falso profilo di ragazza, a giudizio 50enne

L’uomo diffondeva pareri e notizie finalizzate ad acquisire informazioni sulla giovane per la quale, evidentemente, aveva preso una sorta di «cotta telematica»

La ragazza di Modica assidua e fedele fan di Facebook sarà rimasta decisamente sorpresa quando ha scoperto che i profili presenti sul popolarissimo social network riportanti le sue foto, le sue informazioni e i suoi amici erano due, e non uno solo. Tutto questo perché il secondo profilo era fasullo, in quanto creato in maniera illegittima da una persona ignota e ovviamente non autorizzata.

Questa persona è stata poche settimane fa individuata e inchiodata alle proprie responsabilità dalla polizia postale, dopo la denuncia sporta dalla risentita ragazza modicana. L’autore del falso profilo è un vittoriese di 50 anni, che dovrà adesso rispondere dinanzi al giudice di sostituzione di persona. Le indagini sono state dirette dal sostituto procuratore Gaetano Scollo e coordinate dal procuratore Francesco Puleio. La Procura della Repubblica di Modica ha adesso emesso il decreto che dispone il giudizio nei confronti del 50enne, che, oltre ad aver clonato il profilo vero della ragazza modicana, avrebbe modificato quello fasullo con notizie e dichiarazioni non vere attribuite all’ignara giovane.

Di quest’ultima il vittoriese aveva utilizzato nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo dell´abitazione, numero telefonico ad altre informazioni personali e dati sensibili, inducendo in errore gli amici della persona offesa, con i quali il vittoriese s’intratteneva online scambiando messaggi e chat, in cui diffondeva pareri e notizie finalizzate ad acquisire informazioni sulla giovane per la quale, evidentemente, aveva preso una sorta di «cotta telematica». L’aver «rubato» il profilo di Facebook non è stata però di certo una mossa furba da parte del vittoriese per accattivarsi le simpatie della ragazza, che, ovviamente, ha sporto denuncia nei confronti del suo falso alter ego.