Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1050
MODICA - 15/02/2012
Cronache - L’incidente si è verificato sulla Rocciola Scrofani nella tarda serata di martedì

Schiacciata nella sua Toyota, muore ucraina di 43 anni

I vigili del Fuoco hanno estratto il corpo dall’abitacolo della macchina ma non c’è stato nulla da fare Foto Corrierediragusa.it

Incidente mortale sulla via Rocciola Scrofani (nella foto il punto del sinistro). Una donna di 43 anni, di nazionalità ucraina, domiciliata in città per motivi di lavoro, è rimasta vittima dell’incidente che si è verificato nella tarda nottata di martedì. La donna, che faceva la badante per una famiglia residente in zona, viaggiava a bordo della sua Toyota Aygo quando, per cause ancora in via di accertamento, è finita contro il muro di recinzione della strada.

L’impatto è stato fatale perché la donna è rimasta incastrata nell’abitacolo, morendo sul colpo. Tutte da stabilire le cause dell’incidente ed i Carabinieri della Compagnia di Modica intervenuti sul posto hanno rilevato tutti i dati necessari. Sono stati i Vigili del fuoco ad estrarre il corpo della donna dalla macchina ma la corsa in ospedale a bordo di un’ambulanza del 118 è stata vana.

La sfortunata donna lascia una bambina che viveva con lei. Nelle prossime ore arriveranno i parenti dall´Ucraina, avvertiti del tragico evento e ai quali sarà riconsegnata la salma, dal momento che non è stato ritenuto necessario disporre l´autopsia.


raccolta offerte spontanee
16/02/2012 | 0.15.45
christian

ho avuto modo di conoscere personalmente la signora e la sua dolcissima bambina...ho saputo che si stanno raccogliendo delle offerte per il trasporto della salma in ucraina...sarebbe un gesto di solidarietà anche nei confronti di questa bambina che credo non avrà più lacrime per piangere...vi esorto a cercare dei contatti anche tramite altre badanti uacraine e di far pervenire tramite esse un aiuto concreto...