Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 643
MODICA - 10/02/2012
Cronache - Al via il procedimento in udienza preliminare con 15 imputati

"Copai 2", abbreviato per Serena Minardo e avvocato

Il 16 febbraio, invece, saranno discusse tutte le altre posizioni, compresa quella di Giuseppe Ruta, collaboratore dello studio tecnico di Riccardo Minardo, accusato originariamente di estorsione, reato poi derubricato dal gip in quello di truffa Foto Corrierediragusa.it

Sono 15 gli imputati del processo stralcio denominato «Copai 2», avviato in udienza preliminare dinanzi al gup del tribunale. Ha chiesto e ottenuto d’essere giudicata con il rito abbreviato Serena Minardo, figlia del deputato regionale Riccardo, difesa dall´avvocato Carmelo Scarso e accusata di malversazione. Stessa accusa anche per Carmelo Emmolo, Sara Suizzo, Giuseppa Zocco, Mario, Giuseppe e Nives Barone.

Rito abbreviato anche per Giovanni Calcaterra, l’avvocato del foro di Ragusa ritenuto colui che diramò via fax ai media il decreto di perquisizione e sequestro emesso nell’ambito del procedimento dalla procura di Modica il 14 dicembre 2009 nei confronti di Minardo, Ruta, Suizzo e Zocco. Il fax fu spedito da una ricevitoria di Marina di Ragusa. Calcaterra è accusato di favoreggiamento personale e rivelazione di segreti inerenti ad un procedimento penale. Il legale è difeso dal collega Gianluca Gulino. Serena Minardo e Giovanni Calcaterra saranno processati entrambi il prossimo 8 marzo. I

Il 16 febbraio, invece, saranno discusse tutte le altre posizioni, compresa quella di Giuseppe Ruta, collaboratore dello studio tecnico di Riccardo Minardo, accusato originariamente di estorsione, reato poi derubricato dal gip in quello di truffa. Gli altri imputati sono accusati anche di emissioni di false fatture e favoreggiamento, ciascuno per le proprie, distinte responsabilità. Cinque imprenditori si sono costituiti parte civile assieme all’ex presidente del Copai Corrado Monaca, di Ispica, il quale ha annunciato che devolverà in beneficenza l’eventuale risarcimento danni.

E´ probabile che questo processo possa essere unificato con quello già in corso davanti al Collegio Penale e che vede imputati Riccardo Minardo, la moglie Giuseppina Zocco, la già presidente del Copai Sara Suizzo, il marito di quest’ultima Mario Barone e l’imprenditore di Santa Croce Pietro Maienza. Tutti e cinque sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alle truffe aggravate ai danni dell’Unione Europea, dello Stato e di altri enti pubblici.

Nella foto l´aula d´udienze preliminari del tribunale di Modica