Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 793
MODICA - 13/01/2012
Cronache - La decisione del gup

Gestione spazzatura Agesp a Modica: 5 assoluzioni

Il comune metteva a disposizione circa trenta operatori ecologici che, però, non riuscivano a garantire il fabbisogno

Tutti assolti nel processo scaturito dall’inchiesta sull’affidamento complessivo del servizio di igiene ambientale di Modica all’Agesp e sull´ampliamento del personale della società. L’assoluzione è stata decisa dal gup Lucia De Bernardin per Gregory Bongiorno, legale rappresentante dell’Agesp, l’azienda di Castellammare del Golfo che fino al 31 dicembre 2006 gestì a Modica il servizio di igiene ambientale, e per quattro dipendenti del comune di Modica che si erano succeduti nel ruolo di dirigente del settore.

Si tratta di Maria Nero, Francesco Paolino, Anita Portelli e Virgilio Polara. Imputata nel procedimento era anche la stessa Agesp, intesa come società. Il pubblico ministero, che aveva chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli imputati, contestava ben diciannove capi d’imputazione all´azienda e all’originaria titolare, nel frattempo deceduta. Il magistrato ha invece optato per l’assoluzione collettiva. Tutto ebbe origine quando il comune decise di affidare parzialmente il servizio al privato, vale a dire l’Agesp di Castellammare del Golfo.

Il comune metteva a disposizione circa trenta operatori ecologici che, però, non riuscivano a garantire il fabbisogno. Alla fine l’amministrazione comunale optò per una gestione totale del servizio da affidare all’Agesp. Nell’inchiesta rientrò anche l’attività straordinaria svolta durante la manifestazione «Eurochocolate». I cinque imputati e l´Agesp sono stati assolti perchè il fatto non sussiste dall´accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al peculato, mentre è stato deciso il non luogo a procedere perchè il fatto non costituisce reato per una truffa aggravata, cinque truffe e sette presunti episodi di peculato.