Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 960
MODICA - 02/01/2012
Cronache - Erano parcheggiati nel cortile

Bruciati 2 veicoli di Angelo Iabichino

Si tratta di una Panda e di una roulotte

E’ stato un inizio anno difficile per Angelo Iabichino, presidente dell’Associazione Pro sviluppo Marina di Modica. Due mezzi parcheggiati nel cortile della propria residenza in contrada Giarrusso sulla Modica Sampieri sono state avvolte dalle fiamme.

Ad accorgersi del fatto lo stesso Iabichino che di buon mattino, era circa le 6.30 del primo giorno dell’anno, si era allontanato da casa per fare una passeggiata quando ha visto le fiamme levarsi alte. L’imprenditore è ritornato di corsa verso la sua abitazione ed ha dovuto prendere atto che la Panda e la roulotte che teneva da tempo parcheggiate in uno spiazzale adiacente la casa erano avvolte dalle fiamme. Immediata la richiesta di soccorso ai Vigili del Fuoco del distaccamento di Modica che da lì a poco sono accorsi sul posto. I vigili hanno lavorato per quasi un’ora per riportare la situazione sotto controllo evitando che il fuoco intaccasse la casa ma i due mezzi sono andati praticamente distrutti.

E’ rimasto infatti solo l’involucro annerito della Panda e della roulette in condizioni inservibili. Angelo Iabichino, proprietario dei due mezzi, aveva in animo di rottamarli e non ne faceva uso da tempo. Nel corso della mattinata sono intervenuti sul posto anche una pattuglia della Polstrada che era in servizio sulla Modica mare ed una volante del commissariato di Modica per i rilievi del caso. Angelo Iabchino è stato interrogato ed ha riferito i fatti. I Vigili del Fuoco da parte loro non hanno trovato materiale o contenitori che possono far ricondurre di prim’acchito l’incendio ad una azione criminosa e gli investigatori mantengono sul fatto il riserbo. E’ comunque molto probabile che l’atto sia di natura dolosa e viene letto come un segnale molto preciso nei confronti di Angelo Iabichino.

Molte comunque le circostanze da chiarire visto che le modalità dell’incendio sono state ben studiate e chi ha colpito lo ha fatto proprio nel momento in cui Iabichino si è allontanato da casa. Da presidente dell’Associazione Pro Sviluppo Marina di Modica Angelo Iabichino non è nuovo ad «attenzioni» del genere visto che in altre occasioni è stato minacciato probabilmente per il suo impegno a difesa del territorio.