Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 449
MODICA - 30/11/2011
Cronache - Il fatto si verificò lo scorso agosto a Donnalucata e provocò grande commozione

La morte del tenore Salvatore Licitra fu solo una disgrazia

Queste le conclusioni cui è arrivata la Procura che ha archiviato il procedimento a carico di terzi

Non ci fu responsabilità di terzi per la morte dello sfortunato tenore Salvatore Licitra. È questa la conclusione a cui è giunta la Procura, che ha chiesto l´archiviazione del procedimento aperto dopo la disgrazia, avvenuta lo scorso agosto a Donnalucata.

La Procura ha effettuato particolareggiate indagini, ricostruendo la dinamica dell´incidente con l´ausilio della Polizia municipale di Scicli, ascoltando le persone, nonché incaricando un medico legale di effettuare l´ispezione sul corpo di Licitra.

A seguito di questi approfondimenti, è emerso che l´incidente è stato causato inconsapevolmente dallo stesso Licitra. Come riferito nella relazione medico-legale, il tenore è rovinato a terra in conseguenza del «processo evolutivo innescatosi a seguito di una ischemia cerebrale – si legge testualmente – che fu causa del mancato controllo del mezzo e della conseguente caduta ed impatto al suolo».

L´incidente, a seguito del quale il tenore perse la vita, è pertanto imputabile esclusivamente al malore («ipossia cerebrale») che lo ha colpito, determinandone così la caduta, i cui esiti sono stati peraltro aggravati dal fatto che non indossasse il casco protettivo.