Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 586
MODICA - 07/11/2011
Cronache - Due uomini già noti alle forze dell’ordine ammanettati per caccia illegale

Cacciatori inseguiti fino a Chiaramonte e poi arrestati

Nel posto di controllo dei militari sono incappati due cacciatori, che, a bordo di una jeep, trasportavano selvaggina cacciata illegalmente, nonché armi e munizioni

Due arresti scaturiti da un lungo inseguimento in auto dal Modicano a Chiaramonte Gulfi. E’ il bilancio del fine settimana di controlli del territorio da parte dei carabinieri della compagnia di Modica, in collaborazione con i colleghi di Caltagirone. Nel posto di controllo dei militari sono incappati due cacciatori, che, a bordo di una jeep, trasportavano selvaggina cacciata illegalmente, nonché armi e munizioni.

I due uomini non si sono fermati all’alt, forzando il posto di controllo. Ne è scaturito l’inseguimento fino al comune montano, dove sono scattate le manette per il pregiudicato modicano G.P., 57 anni, e per il passeggero della jeep, un residente a Palma di Montechiaro, anch’egli già noto alle forze dell’ordine. Durante l’inseguimento i militari avevano sparato un colpo di pistola a scopo intimidatorio ad una ruota posteriore del fuoristrada.

Nell’auto sono stati rinvenuti, stipati come sardine, 16 cani da caccia, cacciagione varia e un fucile da caccia con relative cartucce. I due pregiudicati sono stati ammanettati per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento e sono stati sanzionati per esercizio della caccia in violazione alla normativa.

Nel corso dei controlli è stato altresì denunciato a piede libero il modicano 55enne F.C. L’uomo è accusato d’uso di atto falso. L’uomo, fermato dai militari, ha esibito un foglio di assicurazione falso.


giusta classificazione
08/11/2011 | 9.09.32
Angelo

Ma è naturale che chi va in giro, a caccia, deve avere una tessera di un’associazione venatoria e debba pagare le tasse, altrimenti sarebbe penalmente perseguibile per porto abusivo d’arma ecc. ecc.
Per essere identificato come bracconiere basta andare oltre le regole dettate dal calendario venatorio.
E’ vero, possono esserci alcuni associati e paganti le tasse che non rispettano le regole; ma per questo non bisogna demonizzare il mondo venatorio, che resta comunque un ambiente sano.
E poi che dire di chi fa pesca sub o con la lenza o di chi va a raccogliere lumache; forse che un pesce o un mollusco catturato desta meno compassione di un coniglio o una lepre?
Angelo Migliorisi
delegato provinciale all´Assemblea nazionale della Federaziopne Siciliana della caccia


07/11/2011 | 23.38.27
Antonio

Beato a lei sig Angelo che conosci qualche cacciatore che rispett le regole... io ancora nn ne ho visto uno..!!! e le posso garantire che ne conosco tanti..


07/11/2011 | 20.32.22
Davide

I famosi "bracconieri" o "fuorilegge" hanno nel 90percento dei casi (come questo) la tessera di qualche associazione venatoria in tasca e le tasse pagate.

Saluti


giusta classificazione
07/11/2011 | 9.09.45
Angelo Migliorisi

Capisco che un giornalista possa essere ignorante in materia di caccia, ma per favore riserviamo il termine cacciatore per chi esercita l´attività venatoria rispettando le leggi e pagando le tasse. Chi non rientra in tale categoria è un bracconiere o, detto in maniera generica, un fuorilegge.