Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1538
MODICA - 06/11/2011
Cronache - Visitate anche la chiesa di S. Domenico ed il centro anziani

Ladri a palazzo S. Domenico, furto nella notte di mille euro

In cassa circa 500 euro frutto della vendita delle magliette e 400 euro per i biglietti
Foto CorrierediRagusa.it

Furto nella notte a palazzo S. Domenico. I ladri hanno visitato tutti i locali all’interno dell’atrio e sono usciti dal portone della chiesa di S. Domenico dopo avere fatto razzia e mettendo un totale scompiglio nelle stanze e nel corridoio del comune. Il bottino dell’incursione ladresca è di poco più di mille euro, frutto degli incassi custoditi presso la biglietteria della Casa delle farfalle, allestita all’interno dell’atrio. In cassa circa 500 euro frutto della vendita delle magliette e 400 euro per i biglietti.

Per fortuna il vicesindaco Enzo Scarso aveva messo in sicurezza quasi duemila euro dell’incasso della giornata di sabato , solitamente molto affollata. I ladri sono entrati dal portone di ingresso principale del comune all’interno dell’atrio. Probabilmente si sono nascosti nella tarda serata in qualche anfratto del cortile approfittando della confusione dei visitatori per la Casa delle Farfalle. Appena liberi hanno utilizzato un palanchino per aprire un varco nel cancello in ferro. Da lì hanno avuto via libera agli ambienti comunali ed hanno agito indisturbati nel cuore della notte. Hanno prima forzato le macchinette di bibite e caffè riuscendo ad asportare qualche decina di euro, poi hanno tentato di forzare il Bancomat ma non ci sono riusciti.

Vano anche il tentativo di forzare la cassaforte blindata all’interno della stanza dell’economo. Non contenti i malviventi sono andati nell’ufficio di gabinetto del sindaco e nella sua stanza. I carabinieri e gli impiegati che sono accorsi sul posto nella mattinata hanno trovato documenti, carte, carpette a terra e manomesse, cassetti aperti; chiaro l’intento dei ladri di trovare qualche spicciolo ma è stato invano. Dal primo piano il passaggio nel centro anziani al piano terra è stato facile ma anche qui l’incursione non ha dato i frutti sperati.

E’ andata meglio nella Casa delle Farfalle dove è stato aperto un grande foro laterale nella copertura in plastica. Qui il bottino più consistente della incursione e gli organizzatori hanno dovuto anche prendere atto che molte farfalle sono volate via allo spuntare della luce del giorno dal foro praticato. L’ultima visita nella sagrestia della chiesa di S. Domenico dove sono state prelevate le offerte dei fedeli. Il parroco Don Giuseppe Sortino ha trovato indumenti sacri, libri e documenti sparsi per tutta la stanza ma non ha segnalato nessun danno consistente.

I ladri hanno poi pensato bene di uscire dal portone della chiesa sulla piazza Principe di Napoli. Il sindaco è subito accorso in mattinata non appena gli addetti della Casa delle Farfalle hanno notato che qualcosa non andava. Grazie all’aiuto degli impiegati e dei funzionari arrivati al comune è stato ripristinato l’ordine e rimesso in sesto il cancello. Antonello Buscema è apparso molto scosso ed amareggiato per quanto è successo. Le modalità dell’incursione non fanno presupporre messaggi trasversali all’amministrazione e la tesi più accreditata è proprio quella del furto. I Carabinieri della Compagnia di Modica hanno avviato le loro indagini alla ricerca di qualche indizio che li possa mettere sulla strada giusta per l’individuazione dei responsabili.

Nella foto il cancello d´ingresso di palazzo San Domenico forzato dai ladri