Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 168
MODICA - 29/10/2011
Cronache - Il creatore è l’artigiano Enzo Terranova

Il primo orologio ad acqua tutto modicano!

L’orologio ad acqua è sposto nell’androne del palazzo della Cultura di corso Umberto I
Foto CorrierediRagusa.it

E’ il primo orologio ad acqua mai inventato da un modicano doc (foto Melia - Migliore). Un gioiellino interamente artigianale realizzato con passione e creatività. Un struttura alta due metri e mezzo, di ferro ed acciaio, con gli ingranaggi in bella vista e una vasca da 600 litri che contiene l’acqua, autentico «carburante» di questa invenzione nata per gli enti ed i locali pubblici, ma disponibile anche per i privati, in formato «mignon».

L’ideatore dell’orologio ad acqua in versione modicana e Enzo Terranova, 60 anni, artigiano delle scale con il pallino degli orologi. «L’idea – racconta – mi venne guardando l’orologio del castello di Modica. Mi sono chiesto: perché non provare a far girare gli ingranaggi e i meccanismi di un orologio non tramite una carica manuale, come per l’orologio del Castello dei Conti, quanto piuttosto con un «carburante» naturale?»

Ecco allora l’idea dell’acqua per far girare le lancette. L’acqua si versa all’interno di un catino e il suo ricircolo viene assicurato da un motore alimentato ad energia elettrica, connesso ad una normale presa di corrente. Poi l’acqua sale su per un tubo di ferro zincato, alimentando il meccanismo che sta alla base dell’azionamento del pendolo che fa quindi girare le lancette. «Ho impiegato un anno per creare questo orologio – dice Terranova – grazie anche all’aiuto di mio figlio e del mio caro amico Piero Spadaro». L’orologio ad acqua è sposto nell’androne del palazzo della Cultura di corso Umberto I.